Stefano Antonini -Torna

Intervista rilasciata da Stefano Antonini a RADIO SOUND FERRARA per parlare del suo libro e dei progetti ad esso legati. Progetti che riguardano l’adolescenza e l’accettazione.

CLICCA QUI PER ASCOLTARE

Un padre rientra a casa prima dal lavoro e trova il figlio diciassettenne tra le braccia di un ragazzo. Lo stupore, la rabbia e il dolore gelano ogni sua reazione. Si chiude in camera e riesce a fare solo una cosa: scrivere una lunga e toccante email al figlio. Torna è la lettera che ogni ragazzo rifiutato dalla famiglia avrebbe voluto ricevere, è l’occasione, per ogni genitore incapace di accettare la diversità, di aprire un dialogo con se stessi per trovare quelle risposte che, da soli, è difficile darsi. Torna è la lettera che forse avrebbe evitato il suicidio di molti minorenni che, di diverso, avevano solo la capacità di amare. Torna è anche la risposta di un figlio alle parole di un padre che non ha mai chiuso la porta in faccia alla speranza.

71tj2bwheu7l

Exit West – Mohsin Hamid

coverAPPUNTI DISORDINATI DI LETTURA
Cosi come la porte dell’armadio in “Le cronache di Narnia” o la porticina di Alice catapulta i personaggi in un mondo fiabesco … la porta di Exit West trasporta i due personaggi (Saed e Nadia) verso un mondo immaginato e per questo migliore di quello che si lascia per via della guerra e del fondamentalismo religioso.

Moshin attraverso le vicende dei due ragazzi ci racconta la storia di ogni migrante che per disperazione lascia il paese natio per imbarcarsi in un avventura che lo renderà solo e dubbioso fra gente sconosciuta, compresi altri profughi come lui,  che non lo accetta come suo simile perché di colore, credo religioso e politico diverso.

TERZA DI COPERTINA

Nadia e Saeed vogliono tenere in vita il loro amore giovane e fragile mentre la guerra civile divora strade, case, persone. Si narra, però, che esistano porte misteriose che conducono dall’altra parte del mondo, verso una nuova speranza…Mohsin Hamid ha scritto un romanzo tenero e spietato, capace di dare un senso a questi tempi di disorientamento e follia con la potenza visionaria della grande letteratura. Exit West è un libro venuto dal futuro per dirci che nessuna porta può piú essere chiusa.

«In una città traboccante di rifugiati ma ancora perlopiú in pace, o almeno non del tutto in guerra, un giovane uomo incontrò una giovane donna in un’aula scolastica e non le parlò». Saeed è timido e un po’ goffo con le ragazze: cosí, per quanto sia attratto dalla sensuale e indipendente Nadia, ci metterà qualche giorno per trovare il coraggio di rivolgerle la parola. Ma la guerra che sta distruggendo la loro città, strada dopo strada, vita dopo vita, accelera il loro cauto avvicinarsi e, all’infiammarsi degli scontri, Nadia e Saeed si scopriranno innamorati. Quando tra posti di blocco, rastrellamenti, lanci di mortai, sparatorie, la morte appare l’unico orizzonte possibile, inizia a girare una strana voce: esistono delle porte misteriose che se attraversate, pagando e a rischio della vita, trasportano istantaneamente da un’altra parte. Inizia cosí il viaggio di Nadia e Saeed, il loro tentativo di sopravvivere in un mondo che li vuole morti, di restare umani in un tempo che li vuole ridurre a problema da risolvere, di restare uniti quando ogni cosa viene strappata via. Con la stessa naturalezza dello zoom di una mappa computerizzata, Mohsin Hamid sa farci vedere il quadro globale dei cambiamenti planetari che stiamo vivendo e allo stesso tempo stringere sul dettaglio sfuggente e delicato delle vite degli uomini per raccontare la fragile tenerezza di un amore giovane. In un certo senso Hamid ha ripetuto per l’oggi quello che i classici dell’Ottocento, ad esempio Guerra e pace, hanno sempre fatto: raccontare l’universale della Storia attraverso il particolare dei destini individuali, riportare ciò che è frammentario, l’esperienza del singolo, alla compiuta totalità dell’umano. Hamid ha scritto un romanzo di attualità sconvolgente, capace di dare un senso a questi tempi di disorientamento e follia con la potenza visionaria della grande letteratura. Con Exit West, Mohsin Hamid ha scritto il suo capolavoro.

Lo Straniero – Albert Camus

«Ho letto molte volte Lo straniero, l’ho letto da ragazzino ascoltando Killing an Arab dei Cure, quando ancora Robert Smith non era stato costretto a modificare il titolo in Kissing an Arab. L’ho riletto altre volte nel corso della mia vita e ho avvertito la solitudine del protagonista come la vera carta universale di appartenenza al genere umano. Ma resta sempre la prima sensazione. Il caldo e il sole accecante, la sabbia umida sotto i piedi, la paura mortale di aver sbagliato tutto senza sapere perché e la voce squillante di Robert Smith che accompagna quest’incubo: “I’m alive, I’m dead, I’m the stranger killing an Arab.» Roberto Saviano

NZO

Pubblicato nel 1942, “Lo straniero” è un classico della letteratura contemporanea: protagonista è Meursault, un modesto impiegato che vive ad Algeri in uno stato di indifferenza, di estraneità a se stesso e al mondo. Un giorno, dopo un litigio, inesplicabilmente Meursault uccide un arabo. Viene arrestato e si consegna, del tutto impassibile, alle inevitabili conseguenze del fatto – il processo e la condanna a morte – senza cercare giustificazioni, difese o menzogne. Meursault è un eroe “assurdo”, e la sua lucida coscienza del reale gli permette di giungere attraverso una logica esasperata alla verità di essere e di sentire. Un romanzo tradotto in quaranta lingue, da cui Luchino Visconti ha tratto nel 1967 l’omonimo film con Marcello Mastroianni. Introduzione di Roberto Saviano.

Mancarsi – Diego De Silva

Ho ritrovato, in parte, il De Silva dei primi libri quello che mi aveva spinto a leggere tutta la sua produzione (escluso l’ultimo capitolo della serie di Malinconico). Ci sono degli spunti interessanti e ci sarebbe stato materiale, secondo me per un romanzo non per un racconto.

mancarsi-1354151074
TERZA DI COPERTINA
Irene vuole essere felice, e quando il suo matrimonio inizia a zoppicare denuncia il fallimento a suo marito e se ne va. Nicola è solo, confusamente addolorato dalla morte di una donna che aveva smesso di amare da tempo. Anche lui, come Irene, è mosso da un’assoluta urgenza di felicità. Anche lui vuole un amore e sa esattamente come vuole che sia fatto. Sarebbero destinati a una grande storia, se solo s’incontrassero una volta nel bistrot che frequentano entrambi. Se invece di passare ore a guardare fuori dalle finestre, si parlassero. E invece il caso vuole che ogni volta che Nicola arriva, Irene sia appena andata via. Soltanto alla fine, sulla soglia del locale, Irene e Nicola incroceranno i loro sguardi. E sarà allora che decideranno cosa fare di se stessi, nell’attimo imprevisto in cui la felicità finalmente abbocca: perché se lo lasci passare, quell’attimo, te ne vai con la curiosa ma lucida impressione d’esserti appena giocato la vita.

Di tutte le ricchezze – Stefano Benni

Erano anni che non leggevo qualcosa di Benni.
Non saprei cosa scrivere oltre a:
Mi e piaciuto
9788807019104_quarta

TERZA DI COPERTINA
Martin è un maturo professore universitario che si è ritirato in campagna: la solitudine è mitigata dalla compagnia di un grande cane nero, Ombra, che non diversamente dagli altri animali del bosco, ha il dono della parola. Martin gode di quella stagione della vita che “ti permette di desiderare senza prendere, di ammirare senza sfregiare, di soffrire senza far male ad altri”. Si è riconciliato con il passato, e impara a convivere con i vuoti del presente e con la nostalgia per il figlio. In questa disposizione d’animo lo coglie, di sorpresa, l’arrivo di una coppia che viene a vivere non lontano da lui: un pittore e mercante d’arte in fuga dalla città e Michelle, la sua bellissima e biondissima compagna. La giovinezza di Michelle lavora nell’immaginazione, nei sensi e nel cuore di Martin non meno di quanto lavorano la leggenda della ragazza del lago (una vecchia storia che gira fra gli autoctoni e accende di lampi magici il respiro della natura) e i versi del Catena (il poeta folle di cui Martin è uno dei più autorevoli studiosi). L’apparizione di Michelle gonfia di vento pensieri, speranze, orgoglio virile. Il cane Ombra e tutti gli animali in cui si imbatte commentano, si impicciano, fanno esercizio di filosofia. Il ritmo del cuore e il ritmo della vita prendono una velocità imprevista. Che cosa aspetta Martin in fondo a questo bosco interiore di emozioni che chiedono futuro?

Severina – Rodrigo Rey Rosa

APPUNTI DISORDINATI DI LETTURA
Storia surreale (realismo magico ?) un graditissimo omaggio agli amanti dei libri. Acquistato e letto dopo aver letto la recensione di Bolaño

9788807018985_quarta
TERZA DI COPERTINA

Un giovane libraio aspirante scrittore sorprende una ragazza di singolare bellezza a rubare libri raffinati e andarsene dribblando abilmente la barriera antitaccheggio. Non la ferma, si limita ad annotare i titoli sottratti, sperando che lei torni per una delle letture di poesia che organizza con i suoi soci, tutti ferventi bibliofili. Presto la potenziale nemica diventa la sua ossessione sentimentale: le parla, la segue, la bacia dopo una perquisizione tra gli scaffali, consenziente e carica di valenze erotiche. Nonostante cerchi di ricostruirne la personalità attraverso il catalogo delle sue scelte come lettrice, sulla vita della sfuggente Severina scopre poco: abita in una pensione con quello che sembra l’anziano padre, il quale legge con lei tutti i libri prelevati nelle librerie e paga il conto quando i proprietari lo reclamano. Il libraio si trasferisce nella stessa pensione per starle più vicino, ma invano. Severina è la storia, che fluttua con freschezza chagalliana, di due passioni intrecciate: l’amore e i libri. Due passioni che colpiscono nel profondo e irrimediabilmente. Grazie all’amore, il libraio-lettore adotta un nuovo e radicale modello di esistenza vissuta completamente attraverso i libri e per loro. Abbandona la propria identità e solitudine ed entra a far parte della balzana e letteraria stirpe di Otto e Severina, nocchieri di navigazioni lungo le maree e le correnti dei libri.

gialloecucina

Non c'è nulla di più personale che leggere un libro!

lettererumorose

Chi accumula libri accumula desideri; e chi ha molti desideri è molto giovane, anche a ottant’anni. (Ugo Ojetti)

NOAR

Wildsoul

Scrittori esordienti - www.ultimapagina.net

Andate su www.ultimapagina.net, il sito si è trasferito

Sonnenbarke

Ma dove troverò mai il tempo per non leggere tante cose? (Karl Kraus)

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

'mypersonalspoonriverblog®

Tutti gli amori felici si assomigliano fra loro, ogni amore infelice è infelice a suo modo.

Recensioni Librarie in Libertà

"[i libri scritti] se ti metti a contarli, smetti di scriverli" (Ernest Hemingway)

TYT

il lavoro debilita l'uomo e la donna

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Memoria narrante

In un vecchio baule impolverato, nella soffitta della nonna, ho trovato il suo diario di quando era tredicenne, come me adesso...

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

mastrobyte

words are important

Alidada

benvenuto nel mio spicchio di cielo

fashionrblog

Al servizio della moda: parleremo di tutti i temi inerenti la moda.

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Pasticceria orientale

l'oriente nella sua veste più dolce

L'Esaurito

"fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza"

IL MOTIVATORE

Pensieri, sensazioni, azioni.

Il Blog di Radio Sonora

La web radio dell'Unione dei comuni della Bassa Romagna

Tixi Dixi Scripsi

"Il mondo è un bel libro, ma poco serve a chi non lo sa leggere"- C. Goldoni

Riflessioni di un cervello in fuga 🤓

Farsi sempre nuove domande

Libriamoci

Condividiamo il nostro amore per i libri

A-Rock

"Il bello della musica è che quando ti colpisce non senti dolore." (Bob Dylan)

BOOK'S THIEF

LADRA DI LBRI

Giabus Live Space

what's going on with my books & music...

The Imbranation Girl

Book nerd e Beauty lover

Passalorto | Blog

affidati al contadino

Elisabetta P.

Creative storyteller

DADAWORD

Vivere e raccontare...

M.i.P. studio

soluzioni informatiche ed elettroniche

Salotto dei Libri

Sono una lettrice accanita, obbligata a vivere accanto ai libri, dentro ai libri, per i libri, leggendoli ma non soltanto. Vivendoli.

| A Milano Puoi |

La Milano più bella in tasca.