La scomparsa di Josef Mengele – Olivier Guez

APPUNTI DISORDINATI DI LETTURA
Sappiamo, per aver studiato a scuola, gli orrori commessi durante la seconda guerra mondiale. Conosciamo la storia della deportazione, su come veniva effettuata la selezione nei Campi di Concentramento, lo sterminio e le camere a gas.
Conosciamo Auschwitz, conosciamo i nomi degli aguzzini, fra questo quello di Mengele e gli “esperimenti medici” che ha condotto.

Cosa sappiamo di Josef Mengele dopo la fine della 2 Guerra Mondiale ? Cosa sappiamo della sua fuga e del suo girovagare nel Sud-america ? Cosa sappiamo delle coperture ricevute grazie ai soldi della sua ricca famiglia e delle coperture ricevute dai vari Peron, Stroesser ?

Questo è quello che Olivier Guez ci racconta ……
mengele
TERZA DI COPERTINA
Buenos Aires, giugno 1949. Nella gigantesca sala della dogana argentina una discreta fetta di Europa in esilio attende di passare il controllo. Sono emigranti, trasandati o vestiti con eleganza, appena sbarcati dai bastimenti dopo una traversata di tre settimane. Tra loro, un uomo che tiene ben strette due valigie e squadra con cura la lunga fila di espatriati. Al doganiere l’uomo mostra un documento di viaggio della Croce Rossa internazionale: Helmut Gregor, altezza 1,74, occhi castano verdi, nato il 6 agosto 1911 a Termeno, o Tramin in tedesco, comune altoatesino, cittadino di nazionalità italiana, cattolico, professione meccanico. Il doganiere ispeziona i bagagli, poi si acciglia di fronte al contenuto della valigia piú piccola: siringhe, quaderni di appunti e di schizzi anatomici, campioni di sangue,  vetrini di cellule. Strano, per un meccanico. Chiama il medico di porto, che accorre  prontamente. Il meccanico dice di essere un biologo dilettante e il medico, che ha voglia di andare a pranzo, fa cenno al doganiere che può lasciarlo passare. Cosí l’uomo raggiunge il suo santuario argentino, dove lo attendono anni  lontanissimi dalla sua vita passata.
L’uomo era, infatti, un ingegnere della razza. In una città proibita dall’acre odore di carni e capelli bruciati, circolava un tempo agghindato come un dandy: stivali,  guanti, uniforme impeccabili, berretto leggermente inclinato. Con un cenno del  frustino sanciva la sorte delle sue vittime, a sinistra la morte immediata, le camere a gas, a destra la morte lenta, i lavori forzati o il suo laboratorio, dove disponeva di uno zoo di bambini cavie per indagare i segreti della gemellarità, produrre superuomini e difendere la razza ariana. Scrupoloso alchimista dell’uomo nuovo, si aspettava, dopo la guerra, di avere una formidabile carriera e la riconoscenza del Reich vittorioso, poiché era… l’angelo della morte, il dottor Josef Mengele.

2666 – Roberto Bolaño – Adelphi Edizioni

2666 di Roberto Bolano – Adelphi.

Un libro no. Una indagine giornalistica no
Un universo, un mondo costruito attraverso cinque libri che non hanno una sequenzialità decisa dall’autore.
E’ il lettore che decide in che modo leggerli.
Cinque romanzi ambientati in una fantomatica città messicana Santa Teresa (che in realtà è Città Juarez).
Cinque modi di vivere la città più violenta e pericolosa se sei una donna:

LA PARTE DEI CRITICI: (intellettuali)
Descrive un gruppo di quattro critici letterari europei (un francese, uno spagnolo, una inglese ed un italiano) che hanno fatto carriera attorno alla figura di un elusivo scrittore tedesco, Benno von Arcimboldi. La ricerca di questo autore li porterà, alla fine, nella città messicana di Santa Teresa.

LA PARTE DI AMALFITANO (un padre)
Si concentra su Oscar Amalfitano, un docente di filosofia cileno dell’Università di Santa Teresa, mentalmente instabile, che teme che la figlia cada preda della violenza della città.

LA PARTE DI FATE (un giornalista)
Racconta del giornalista statunitense Oscar Fate, che scrive per una rivista che si occupa di questioni afro-americane, che viene inviato a Santa Teresa per fare un servizio su un match di boxe di cui ha scarsa conoscenza.

LA PARTE DEI DELITTI (la scomparsa delle donne)
Racconta la tragedia delle morti seriali di donne nel paese messicano di Ciudad Juárez (“Santa Teresa” nel romanzo). Il giornalista Sergio González Rodríguez esiste davvero, e ha scritto un libro che si intitola Ossa nel deserto. Sui delitti che da anni affliggono la città di Juarez, la teoria dello scrittore è la stessa proposta dal giornalista nel libro Ossa nel deserto, e cioè che i vari cartelli di narcos organizzino feste dove il divertimento principale consista nel violentare, torturare e uccidere giovani ragazze povere. L’omertà e l’ignoranza di politici e polizia è ben raffigurata nel romanzo, dove, come nella realtà, tutti sono implicati.

LA PARTE DI ARCIMBOLDI (autore cercato dai critici)
La vita dello scrittore Benno Von Arcimboldi dall’infanzia negli anni venti fino agli eventi narrati negli altri libri, intorno al 1999

CERCO TE – Mauro Mogliani

A volte ti capitano fra le mani libri che di autori esordienti che ti fanno rimpiangere di non averli scoperti prima.  Sulla copertina, bellissima fra l’altro, di questo libro in basso sotto il titolo c’è scritto THRILLER. Non aspettatevi un libro pieno di macchine che corrono serial killer spietati che massacrano quanto gli capita a tiro.
Questo è un Thriller, ma è cerebrale parla all’anima … ci racconta di cose che sappiamo, ma che per cattive abitudini, noncuranza e qualche volta per menefreghismo non ci stiamo attenti …  e ci parla di tutte quelle vittime innocenti che ogni giorno ignoriamo presi dal nostro egoismo

81zeD92x0cL

Si si tutta colpa dell’Euro

Sento sempre piu spesso dire che l’euro ci ha rovinato la vita. Che tutto costava meno quando c’era la lira.

I libri per esempio in rapporto con lo stipendio medio non sono aumentati.

Perché invece, di dare la colpa all’euro, non ci raccontiamo la verità.

Si è vero che adesso è più difficile arrivare a fine mese rispetto a venti anni fa … ma di quante cose che oggi abbiamo e che nel 1999 non avevamo … riusciremo adesso a fare a meno.

Quanti di noi nel 1999 avevano uno smartphone che si collegava ad internet ?

Quanti di noi nel 1999 avevano netflix, nowntv, infinity, spotify, sky, dazn etc etx

Quanti di noi nel 1999 sentivano il bisogno di cambiare il cellulare ogni due anni per essere sempre alla moda e/o avere il modello nuovo.

Penso pochi, forse punti.

Non è stato l’euro a farci più poveri, siamo stati noi da soli cadendo nel consumismo più sfrenato non accontentandoci mai di quello che abbiamo.

Quando realmente eravamo più poveri ogni cosa la facevamo durare fino alla fine. Se compravano un disco lo ascoltavamo cosi tanto da rovinare i solchi al vinile…. oggi scarichiano e non ci diamo neanche il tempo di far nostra la musica che gia siamo pronti per scaricarne uno nuovo.

Da bambini un santos ci bastava per passare i pomeriggi… oggi quanti giochi per console occorrono ?

Autori in Libreria fine settimana 13/14 Ottobre

Fra le cose che mi piace fare c’è quella di organizzare eventi con autori esordienti o che pubblicano con Case Editrici non molto conosciute a livello nazionale.

Questa settimana proponiamo due autori:

Sabato 13 Ottobre Giovanni Magistrelli
che ci porta due libri:
I VOLTI DELL’APOCALISSE:
L’ex-ispettore di Polizia Rigoberta “Ribe” Daverio ha un passato tragico alle sue spalle, un evento che ha avuto molte conseguenze: l’uccisione di sua madre Anna durante un tentativo di furto andato male. Da allora tutto è cambiato nell’esistenza di Ribe, anche se sono passati solo tre anni. La donna non fa più parte della Polizia e si guadagna da vivere, come investigatore privato, con lavoretti nell’ambito dei tradimenti extraconiugali e delle frodi aziendali. La vita tranquilla di Ribe viene interrotta dal commissario Stefano Sanna, una volta suo superiore ed ora suo saltuario amante, che le chiede di indagare ufficiosamente su un efferato omicidio avvenuto appena fuori di Milano, nell’hinterland della città. Uno psicologo di grido, dopo essere stato torturato ed ucciso, è stato ritrovato con un messaggio sul suo corpo nudo e straziato. Un passaggio tratto dal Libro dell’Apocalisse dell’apostolo Giovanni. Partendo da questo indizio, Ribe entra in una realtà fatta di scambi di favori e di legami di potere, dove il male è una presenza palpabile e fatta di molte sfumature, nascosto in una Milano dove i pericoli paiono aumentare ogni giorno, mentre le forze dell’ordine sembrano non avere speranze nella loro lotta per difendere la città ed i suoi abitanti. Ribe si trova a fronteggiare una situazione fuori controllo, con i volti dei colpevoli e degli innocenti che si sovrappongono in un gioco malvagio, dove una parola accompagnerà i protagonisti per tutto il tempo fino al loro destino: Apocalisse.
IL TEMPO DEGLI DEI
Fine Seconda guerra mondiale. L’umanità si prepara a un nuovo inizio, fatto di pace e speranza.
Ásgarðr, Regno eterno. Il pantheon degli dei norreni è riunito dal sovrano, Óðinn, per punire gli Æsir che hanno agito dietro il conflitto su Miðgarðr, la Terra. Loki, Baldr, Týr e Thòrr vengono esiliati tra i mortali.
Roma. Sotto la Basilica di San Pietro, il reverendo Giulio Viola guida un’organizzazione segreta di sensitivi, che percepiscono l’arrivo sulla Terra dei quattro Æsir esiliati. La scoperta fa entrare in gioco, oltre al Vaticano, le guide religiose delle principali religioni monoteiste, ciascuna a difesa di dogmi millenari.
In un susseguirsi di colpi di scena, da Dubai a Roma, da Teheran a Las Vegas, ognuno dovrà fare i conti con la propria coscienza, alla ricerca della verità assoluta. Perché, ormai, è giunto Il tempo degli dei.

Magistrelli
Domenica invece è il tuo di Mariel Sandrolini
che ci porta le indagini del Commissario MARRA
la cui ultima indagine si svolge in Libreria

Mariel Sandrolini: scrittrice bolognese “noir e non solo!” Ha iniziato a scrivere da bambina, vincendo in terza media un premio nazionale su un tema di classe. Tra le sue numerosissime pubblicazioni: Le scelte di Erica e La mia vendetta avrà la tua firma per Pendragon, Il commissario Marra e il caso Bondage per Damster Edizioni. Ha vinto numerosi premi e molti suoi racconti sono all’interno di antologie letterarie. Il commissario Marra con questa indagine è giunto al suo settimo episodio, Golem Edizioni ha già pubblicato le sue precedenti indagini, tra cui Le prime indagini di Marra, La chiusa del Battiferro, Il caso del Ghetto Ebraico e Burlesque e delitti.

sandrolini

Guida “stagionata” alla lettura

Oggi mi è stato chiesto quali sono i 10 libri che un lettore deve leggere.

Ho cercato di fare una lista che fosse il meno possibile ipocrita
ovvero che non contenesse libri tipo
La divina Commedia – I Promessi Sposi – La recherete
che tanti raccontano di aver letto interi edi farlo almeno una volta l’anno …
non ci credo.

Ho fatto una lista per lettori di questi anni:
01 Furore – John Steinbeck
02 La camera azzurra – Georges Simenon
03 Viaggio al termine della notte – Louis Ferdinand Celine
04 Norwegian Wood – Haruki Murakami
05 Le Benevole – Jonathan Littel
06 Lizzy – Shirley Jackson
07 La vita agra – Luciano Bianciardi
08 Memorie dal sottosuolo – Fedor Dostoevsky
09 2666 Roberto Bolano
10 Lo straniero – A. Camus

Intervento inopportuno e disturbatore