Tommaso Landolfi – Rien Va

“Quando la bambina M. aborti’, la trovai un giorno che si strizzava
una mammella e contemplava piangendo le poche gocce di latte non
ancora addensato, assai simili alle sue lacrime. E’ atroce e dolce,
ora che ella e’ madre davvero.
Vi e’ forse qualcosa di piu’ ignobile della democrazia? Sarebbe
bello dire perche’, e probabilmente non si farebbe che ripetere
argomenti abusati. Quante cose non si fanno o pensano per debolezza
di spirito! C’e’ perfino caso di attribuire consistenza a cio’ che
manifestamente non consiste ne’ esiste.

La bambina M. verra’ finalmente tra pochi giorni colla bambina
piccina sua figlia (e mia!): la notizia mi ha dapprima riempito
di giubilo, subito dopo di malinconia. Perche’? Bisognerebbe forse
sapere chi e’ M. Riusciro’, qui almeno, a non scegliere le parole?
Finora sembra di si.”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.