Cuori solitari

Giano si e’ messa a tradurre e/o (ri)-pubblicare dei buoni romanzi, aldilà delle etichette noir, gialli etc. etc. Romanzi dove lo stereotipo del poliziotto molto spesso e’ assente o poco marcato. Cuori solitari e un affresco malinconico, doloroso e dolce della vita di tutti i giorni.
Non ci troviamo di fronte ad un investigatore iper-attivo e super, come in tanti thriller di oltre oceano, qui invece il lavoro di investigazione e’ fatto anche di sbagli e di noia, di routine.
Alla fine il colpevole esce fuori, lo si capisce da quando entra in scena che sarà lui, ma non sarà una conclusione scontata.

Rispondi