La vita che volevo – Lorenzo Licalzi

lavitachevolevo  Bel libro. Mentre lo stavo leggendo continuamente nella mia testa (mente, immaginazione, ricordi) mi si materializzava “Amici miei”. Si proprio il film ideato da Pietro Germi. Due modi, diversi apparentemente, di riavvolgere il nastro della propria vita e di fare un bilancio. Soddisfatto per quanto riguarda Lorenzo Licanzi e con toni amari per quanto riguarda invece i personaggi del film.

Era questa le vita che volevo ? NO, non del tutto.
Ho gran bel lavoro che non cambierei con nessun altro (beh forse con Dio potrei pensare di fare a cambio mansioni), ma molte delle mie aspettive nella vita privata sono andate in fumo … bruciate.

Desideravo cose semplici … una compagna … un paio (non di più) di amici, ma …. è andata diversamente.
NOTA: adesso nel Feb 2014 la rece sarebbe diversa, molte delle cose che allora non avevo o che non vedevo di avere le ho ottenute

TERZA DI COPERTINA: “Era questa la vita che volevi?” Alzi la mano chi può rispondere di sì. Chi non ha mai rimpianto un’occasione mancata o una decisione che non ha preso. E non ha mai fantasticato un’altra vita; la vita che, forse, voleva davvero. È quel che succede ai personaggi di questo libro lieve e imprevedibile: Laura che credeva di aver fatto pace con gli uomini e non sa che la guerra è appena cominciata; Maddalena che ha sbagliato incrocio e ha perso la sua unica chance; Lorenzo che, grazie a uno sguardo, finalmente apre gli occhi; Patrizia e Carla, casalinga l’una, donna in carriera l’altra, che fanno i conti con la stessa “assenza di fondo”, mentre i mariti giocano a un tavolo di poker il loro “ultimo giro”. Uomini e donne che si guardano indietro, o allo specchio, e scoprono, con sorpresa, curiosità o spavento, che come dice Lorenzo: “lo di vite ne avrei potute fare almeno cinque o sei”. Perché le vie del destino sono infinite, e se è vero che Dio ha inserito nelle nostre esistenze la variabile “caso” per movimentare un po’ la situazione, è anche vero che a volte del caso nemmeno ci accorgiamo, perché fa capolino nelle cose più piccole: una sveglia che non suona, un numero di telefono sbagliato, un caffè preso in un bar diverso dal solito. Ma non c’è motivo di disperare: forse, sembra suggerire Licalzi con il tono scanzonato di sempre, tutte le vite che avremmo voluto le stiamo vivendo, proprio ora, in altri universi, in cui altri noi sono alle prese con altre storie.

L’uomo senza passato – Aki Kaurismäki

luomosenza-passato

Una moderna favola in bianco e nero.
Un grido di speranza per chi come l’interprete el libro/film si ritrova improvvisamente a vivere fra gli scarti della società. Ed è proprio fra questi scarti che ritroverà l’umanità e il calore umano.

TERZA DI COPERTINA: Ci sono libri scritti da sognatori. Libri come L’uomo senza passato che, pagina dopo pagina, raccontano storie memorabili, illuminate di tenerezza e di humour. Dopo un’aggressione in cui ha perso la memoria, M si ritrova a vivere nella povertà estrema della periferia di Helsinki. Solo e malandato, incontra solidarietà e accoglienza in una comunità di senzatetto che vivono nella baraccopoli di container vicino al porto. Con la sua incantevole vena surreale, rassegnato e ottimista, Kaurismäki dà vita a un’umanità ricca di dignità e di spirito quanto povera di beni materiali. Diseredati moderni, ironici e stravaganti, i suoi personaggi sembrano emergere da un altro tempo: la dolce e silenziosa Irma, i volontari dell’Esercito della Salvezza, il rapinatore gentiluomo che ruba per dare agli ex dipendenti, il poliziotto affittacamere e il suo “feroce” cane Hannibal, la scalcinata rock band di quartiere. E mentre parte un nostalgico tango finlandese, Kaurismäki sembra dire che dimenticare il passato può essere a volte l’inizio di una rinascita. Intanto M, giorno dopo giorno, coraggiosamente, scopre la libertà, l’amicizia e l’amore. Una favola contemporanea, divertente e malinconica, sulle vie sorprendenti che può prendere la vita.