Cromantica – Gianfranco Manfredi

cromantica Non lascia il segno.

Tutto si distrugge e/o muore.
Rimane viva/o il solo ricordo e/o la rappresentazione che ci portiamo dentro.
Con un argomento del genere poteva, secondo me,
essere fatto MOLTO MA MOLTO di +

TERZA DI COPERTINA: In un’importante mostra d’arte di Milano compaiono sei quadri neri di sconosciuta provenienza. Un errore? Uno scherzo? O forse la chiave di un nefasto mistero? Un art detective e una cerchia di esperti e professionisti del settore, fatalmente attratti dall’enigma, scoprono che le tele imbrattate nascondono non solo antichi dipinti, ma anche l’inquietante capacità di resistere al fuoco e agli agenti naturali, risalendo alla leggenda di quadri che in passato portarono alla rovina chi volle distruggerli. Testi d’epoca, diari e carteggi resuscitano una fantasmagorica galleria di artisti, cortigiane, fanatici visionari, nobili diabolici, trasformando l’indagine in un vorticoso e imprevedibile viaggio a ritroso nel tempo, attraverso calcoli alchemici ed echi simbolici, lotte sanguinarie, macchinazioni perverse, società occulte ed estasi dionisiache, sulle tracce degli arcani segreti della Cromantica, l’arte magica che sta all’origine dei dipinti. La visione diviene morboso delirio, l’arte trasmuta in prezioso artificio e il gioco allucinatorio si traduce in una sinistra cospirazione che incombe sul presente.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.