Finzioni – Jorge Luis Borges

Finzioni-Jorge-Luis-BorgesCon sollievo, con umiliazione, con terrore, comprese che era anche lui una parvenza, che un altro stava sognando

Se avete letto Bolano e vi è piaciuto non potete non leggere questo libro. Borges ha sicuramente influenzato il cileno. Se avete letto questo libro e vi è piaciuto leggete Bolano non vi deluderà.Non c’e bisogno di capire tutto quello che Borges racconta, io non l’ho fatto. Mi sono posto di fronte a questi racconti come mi pongo di fronte ad un quadro o ascoltando un opera di musica classica. Mi faccio trasportare dalle emozioni che mi trasmette.
Questo libro come tanti altri di sensazioni me ne hanno trasmesse tante. Questo è quello che mi basta per definirla un gran bella lettura

:Uscito in Argentina nel 1944 e tradotto da Franco Lucentini nel 1955, Finzioni è il libro che ha rivelato Borges in Italia, e che da allora ha acquistato anche da noi la statura di un classico contemporaneo. Diviso in due parti — Il giardino dei sentieri che si biforcano e Artifici — il volume è composto di racconti che di volta in volta sono fantastici, simbolisti, polizieschi, esoterici, tutti volti a creare una sorta di «enciclopedia illusoria» di cui Borges è il magistrale compilatore.

Rispondi