Roderick Duddle – Michele Mari

Roderick-DuddleTerza di copertina
Figlio di una prostituta, Roderick cresce tra furfanti e ubriaconi all’Oca Rossa, fumosa locanda con annesso bordello. Quando la madre muore, il proprietario pensa bene di cacciarlo: quello che entrambi ignorano è che nel destino di Roderick è nascosta un’immensa fortuna, e quel medaglione che porta al collo ne è la prova. Il ragazzino si ritrova alle calcagna una folla di balordi, mentecatti, loschi uomini di legge e amministratori, assassini, suore non proprio convenzionali – ognuno deciso a impadronirsi in un modo o nell’altro di una parte del bottino. E cosi Roderick fugge, per terra e per mare, in un crescendo di imprevisti, omicidi, equivoci e false piste. “Roderick Duddle” è insieme summa e reinvenzione del percorso letterario di Michele Mari: guardando a Dickens e Stevenson, mai cosi amati, disegna una parabola sulla cupidigia e sulla stupidità dell’uomo, ma anche sulla sua capacità di stupirsi di fronte al meraviglioso.

microrecensione Mari non delude MAI. L’unico difetto se proprio lo si vuol trovare … Io avrei eliminato l’epilogo …  a me ha fatto tornare in mente la raccolta di racconti ” Tu sanguinosa infanzia” e in particolare il racconto “Otto scrittori”

Un commento su “Roderick Duddle – Michele Mari”

  1. Libro “picaresco”,.quasi una scusa per rivisitare sia il feuilleton alla Dickens che il romanzo di avventure per mare alla Conrad

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.