Seneca – Lettera a Lucilio

L’unica felicita’ e’ godersi la vita: mangiare, bere, consumare il patrimonio nei piaceri: questo e’ vivere; questo significa non dimenticare che si vive una volta sola. I giorni passano veloci, la vita scorre inarrestabile: perche’ esistiamo? A che serve essere saggi e temperanti ,verra’ il momento in cui non potremo piu’ godere i piaceri. (Seneca – lettere a Lucilio)

Caro Seneca l’avei a scrivè alle merkel vesta lettera miha a Lucilio

“Same as it ever was, same as it ever was…”

e potresti chiederti: cos’è quella bella casa?
e potresti chiederti: dove porta l’autostrada?
e potresti chiederti: ho ragione? ho torto?
e potresti dire a te stesso: Mio Dio! cos’ho fatto?!
è tutto uguale a come è sempre stato…

Una canzone che descrive i sentimenti della Selva oscura quando nel camino di nostra vita ci entriamo inconsapevolmente.