Diario – Anna Frank

Copia di NZODiciamo subito cosa questo libro non è:

Non è un libro sulla II Guerra Mondiale. Non è un libro sulla Shoa. Non è un libro triste e palloso.

È’ semplicemente il diario di una bambina che ha la sfortuna di vivere i suoi 13/14 e parte dei suoi 15 anni durante l’occupazione nazista dell’olanda in un alloggio segreto.

Anna confida a Kitty (il nome che da al diario) io suoi pensieri, la sua vita da segregata, i suoi rapporti con i genitori, con la sorella e con gli estranei con la quale è obbligata a convivere.

Si ci sono anche raccontate le speranze, le discussioni sulla liberazione dopo lo sbarco in Normandia … ci parla tanto del futuro, del suo, che Anna vede da donna emancipata, parla dellla voglia di studiare, di visitare il mondo, di essere una donna indipendente. In quel periodo IMG_3130diventa donna ed ha i primi turbamenti adolescenziali le prime pulsioni erotiche e anche quelle le racconta a Kitty. L’affetto e il primo bacio a Peter.

L’ultimo giorno è il 1 Agosto 1944 … l’4 agosto fra le 10 e le 11 un manipolo di SS insieme ad alcuni collaboratori olandese vanno a cercare i rifugiati in Prinsengracht 263.

In questa nuova edizione oltre ad essere presenti tutte quelle parti censurate dal padre presente anche un apparato storico interessante a cura di Frediano Sessi

Annunci

One thought on “Diario – Anna Frank”

  1. una bimba che stava diventando donna e che si è inventata la vita attraverso la scrittura. Non so se pensasse di sfuggire ad un destino avverso, so che ci ha provato.

Rispondi