Sull’orlo del precipizio – Antonio Manzini


5895-3
Non sono d’accordo con chi crede che questo libro sia l’operazione furbetta di uno scrittore e del suo editore per ironizzare sulla MONDAZZOLI. Non lo credo. Non lo credo perché non è la sola concentrazione editoriale in Italia. Tanti fanno finta di non ricordare che alcuni mesi fa l’Antitrust ha dato l’Ok alla Joint-Venture fra Feltrinelli e Messaggerie non-ostante … parole della sentenza:

riguarda i due principali operatori a livello nazionale del mercato della distribuzione per conto di editori terzi  …A conclusione dell’istruttoria, l’Agcm ha accertato che la futura joint venture andra’ a detenere una posizione dominante sul mercato della distribuzione dei libri di “varia” per conto di editori terzi

E’ un libro ironico, divertente, sarcastico su quello che il mondo dell’editoria sta diventando. Sulla difficoltà a proporre cose diverse dalle solite autobiografie di sportivi, libri di ricette e libri soft-core.
Un libro che merita un posto negli scaffali delle librerie, perché oltre a strappare sorrisi, ad essere un libro godibilissimo deve anche farci accendere delle lampadine e incuriosire su autori ed editori meno conosciuti.

Certamente non sarà il libro che permetterà a Manzini di vincere il Nobel nella sezione Comunicazione in lingua indigena

TERZA DI COPERTINA

Cosa succederebbe se tutte le principali case editrici italiane si trovassero raggruppate sotto un’unica sigla? Se lo è chiesto Antonio Manzini. Il risultato è questa novella satirica. La storia di uno scrittore di grande successo che vede trasformare il suo mondo nel giro di pochi giorni.
«Guardava il monitor del suo computer. Al centro del foglio bianco, in Times New Roman, corpo 14 maiuscolo grassetto, aveva scritto la parola FINE. L’orologio segnava le 23:30. Sull’orlo del precipizio, il suo ultimo romanzo, era terminato. Due anni, sei mesi e tredici giorni, tanto era costato in termini di tempo. A questo si dovevano aggiungere l’ansia, la fatica, le notti insonni, i dolori alla cervicale, 862 pacchetti di sigarette, tre influenze, 30 rate di mutuo. Alle 23:30 di quel 2 ottobre 2015 guardando quella parola semplice di due sillabe, Giorgio Volpe, uno dei più grandi scrittori italiani, si interrogava sul suo stato d’animo».

Cosa succederebbe se tutte le principali case editrici italiane si trovassero raggruppate sotto un’unica sigla? Giorgio Volpe è il più grande scrittore italiano, una potenza nel campo delle lettere. Alla consegna del nuovo romanzo Sull’orlo del precipizio, scopre che una cordata di investitori ha inghiottito la sua casa editrice. Ora al comando sono caricature in completo scuro che odiano le metafore e «amano le saponette se il pubblico vuole saponette». Cercando una via di fuga editoriale come un uomo che annega cerca l’aria, Giorgio affonda nel grottesco e nell’angoscia di chi vede messa in discussione la propria libertà di espressione. Antonio Manzini ha scritto una satira spietata ed esilarante. Una distopia alla Fahrenheit 451, dove è il mondo dei libri a bruciare se stesso e non un potere esterno.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...