I fratelli Kristmas -Giacomo Papi

Finalmente una favola divertente e diversa dal solito “Canto di Natale” di Charles Dickens.  Con il cattivissimo Panicus Flynch nei panni di un moderno Ebenezer Scrooge. Leggero, divertente, originale.

TERZA DI COPERTINA
È la notte del 24 dicembre, ma il vecchio Niklas Kristmas, alias Babbo Natale, non può consegnare i regali. Ha una febbre da cavallo e una tosse spaventocop[6]sa. Se uscisse al gelo – sentenzia l’elfo dottore – ci lascerebbe le penne. Così, a malincuore, l’incarico viene affidato a Luciano, il fratello minore di Niklas. I due hanno litigato anni prima, perché Luciano è un uguagliatore: per lui tutti i bambini sono uguali, e vuole portare a ciascuno lo stesso numero di doni. Mentre lo gnomo orologiaio rallenta il tempo, Luciano ed Efisio, il nano picchiatore, partono a bordo della slitta volante. Ma l’avido industriale dei giocattoli Panicus Flynch, che trama per impadronirsi del Natale, ha sguinzagliato sulle loro tracce le feroci valchirie. Ad aiutare Luciano ed Efisio saranno Maddalena e suo fratello Pietro, due bambini di nove e dodici anni. Per portare a termine la missione c’è bisogno del loro coraggio.

3 thoughts on “I fratelli Kristmas -Giacomo Papi”

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.