Prendo spunto da questo articolo …

per fare una considerazione sulle scelte editoriali per promuovere la lettura.

IL PIACERE DI SCRIVERE

 

Nel primo caso andando dietro al successo di una serie di libri per giovani lettrici si ristampano alcuni classici che l’interprete principale del romanzo ama.
In questo modo si presume che le amanti della saga di AFTER si appassionino anche alla letteratura classica.  Operazione già effettuata con la saga di TWILIGHT

Nel secondo invece si fa un operazione della quale non comprendo, non tanto l’utilità, ma
l’utente finale !! Chi ne dovrebbe beneficiare ? Chi non ha mai letto un libro ?
Non la capisco ! e cosa capisce del libro l’incauto acquirente ? Si appassionerà alla lettura di quale libro ? Di quello pensato e scritto dall’autore o di quello liofilizzato dall’editor ?
A quando una casa editrice ripubblicherà Guerra e pace di Tolstoj togliendo “guerra” dal titolo per non turbare il lettore ?

Voi che ne pensate ?

 

Annunci

3 thoughts on “Prendo spunto da questo articolo …”

  1. Con quella cessata di Tualait non avevano ristampato un’orribile edizione di Romeo e Giulietta? (perdonami, ma io odio quella saga, ho anche letto i primi due libri, poi ho tentato il suicidio assieme alla protagonista)
    Sarebbe una bella cosa se leggessero davvero classici, ma trovami gente che si è letta solo questi romanzi da giovincella e poi si imbatte in Anna Karenina… Come non leggere più!
    Ma invece di ridurre un libro, non basta guardarsi il film?

Rispondi