Martin il romanziere – Marcel Ayme

e16b6c2403766e11549e8ae6d09e83f4_w600_h_mw_mh_cs_cx_cy[1]
Marcel Aymé, ovvero quando la fantasia irrompe nella realtà con la forza di un tornado. Come accade al romanziere Martin, che aveva la brutta abitudine di far sempre morire i suoi personaggi finché un giorno non ricevette la visita di uno di loro deciso a rivendicare il proprio diritto alla vita. O a quel signore di Montmartre, cui spuntò in testa un’aureola che gli causò più imbarazzi che ammirazione. Miracoli improbabili, un po’ ridicoli, sempre esilaranti, raccontati per il puro piacere di affabulare, e per mettere alla berlina i peccati dell’umanità senza rinunciare a intenerirsi per l’umanità dei peccatori. In questa raccolta di novelle, che rilancia in Italia il miglior Aymé dopo un’assenza durata decenni, il pirotecnico scrittore sciorina con benevolo ma corrosivo umorismo un campionario di figure di ordinaria straordinarietà. Un catalogo ragionato e irragionevole di casi limite per descrivere alcuni caratteri, universali e non sempre lusinghieri, della grande e litigiosa famiglia degli umani.

APPUNTI DISORDINATI DI LETTURA
Molti  leggendo la sinossi, penseranno … già letto.
Questi racconti sono stati scritti negli anni trenta .. anticipando di fatto la metafiction americana degli anni 50/60.

Annunci