Ninfee Nere – Michel Bussi

cover_9788866327769_1635_600APPUNTI DISORDINATI DI LETTURA
Un romanzo che gioca con il lettore, spostando la visuale all’improvviso e facendoti perdere ogni sicurezza. Un romanzo  … che inizia così:

“Tre donne vivevano in un paesino.
La prima era cattiva,
la seconda bugiarda
e la terza egoista.

Sono le tre donne,ognuna dal proprio punto di vista, a raccontare la storia, coadiuvate anche dall’ispettore. Leggere questo libro è come addentrarsi in una di quelle giostre da luna park piena di specchi nei quali è difficile capire se l’immagine che vedi è quella di una persona reale o solo il riflesso. Si arriva, almeno a me è successo cosi, agli ultimi capitoli con la sensazione di aver capito tutto,  infastiditi dalla scoperta di non aver capito niente e presi in giro perché guardando bene, probabilmente, all’inizio c’era già scritto tutto.

TERZA DI COPERTINA
A Giverny in Normandia, il villaggio dove ha vissuto e dipinto il grande pittore impressionista Claude Monet, una serie di omicidi rompe la calma della località turistica. L’indagine dell’ispettore Sérénac ci conduce a contatto con tre donne. La prima, Fanette, ha 11 anni ed è appassionata di pittura. La seconda, Stéphanie, è la seducente maestra del villaggio, mentre la terza è una vecchia acida che spia i segreti dei suoi concittadini da una torre. Al centro della storia una passione devastante attorno alla quale girano le tele rubate o perse di Monet (tra le quali le Ninfee nere che l’artista avrebbe dipinto prima di morire). Rubate o perse come le illusioni quando passato e presente si confondono e giovinezza e morte sfidano il tempo.

Annunci

One thought on “Ninfee Nere – Michel Bussi”

  1. Concordo…un po’ quello che succede con i thriller psicologici alla Secret Windows o Shutter Island: la scissione dei pésonaggi è solo un escamotage per alludere alla divisione tra io e inconscio

Rispondi