Il cavaliere svedese – Leo Perutz

9e2ec6bd4d86e69df62035050e43e06a_w600_h_mw_mh_cs_cx_cy
APPUNTI DISORDINATI DI LETTURA

Un romanzo sempre in bilico fra due opposti.
Per certi versi più che di un cavaliere svedese mi sembrava di leggere le avventure di un “Cavaliere dimezzato”.
Si dimezzato, proprio come il Visconte di Calvino, perché le due metà, di cui è composto l’intero cavaliere, lo portano a slanci umanitari impensabili, ma anche alle atrocità più meschine. Tradisce il compagno, mandandolo a morte sicura, per rubargli la moglie e tutte le ricchezze. Vive tutta la sua vita tra il rimorso e il senso di colpa per il male fatto al compagno e l’amore profondo per la famiglia, in particolare per la figlia, e il lavoro onesto.

Come giudicare il cavaliere svedese ? bel rompicapo !

TERZA DI COPERTINA
Leo Perutz è riconosciuto maestro di una specie particolare del fantastico: quella che si insinua nella realtà come una goccia di veleno, e la trasforma dall’interno in un’avventura demoniaca, senza che ci sia bisogno di ricorrere a troppo evidenti apparati di prodigi. Ma l’effetto è ancora più inquietante. Nel Cavaliere svedese, sullo sfondo fosco di un’ Europa di briganti, dragoni e locandieri all’inizio del Settecento, si racconta la storia di un ladro vagabondo che ruba l’identità a un giovane cavaliere svedese, diventando così egli stesso un potente che riesce ad attuare tutti i suoi sogni. Ma la potenza del «barone del malefizio» aleggia, palpabile e imprendibile, su questa vicenda. E il Diavolo sa riapparire sempre, per lo meno quando la partita giocata con lui si avvicina alla fine. Il cavaliere svedese apparve nel 1936.

Pagina 104
“come non puoi fare una giubba senza usare ago e forbici e non puoi costruire una casa senza impiegar muratori e carpentieri, così non puoi neanche procurarti dei giorni buoni senza commettere qualche peccato.”

 

Annunci

Un pensiero su “Il cavaliere svedese – Leo Perutz”

  1. Credo che sia un romanzo affascinante perché mischia fantastico e reale e lo traspone in un’epoca passata …tutto questo contribuisce a far sospendere la normalità causale e quindi apre la porta alla dimensione “parallela” della Storia e della storia.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...