Il marchio dell’inquisitore – Marcello Simoni

7193713_1958051

APPUNTI DISORDINATI DI VIAGGIO NELLA ROMA SEICENTESCA

L’ambientazione nella Roma papalina del ‘600, secolo notoriamente passato alla storia come buio, porta al racconto fascino e originalità. La trama è pregna di accadimenti ben studiati, ma spesso può risultare ad un lettore “alle prime armi” non immediata.
Un gran potenziale letterario ed è immaginabile che Fra’ Girolamo Svampa avrà un seguito
non fosse per l’attesa che ingenera nei lettori. Per il modo di investigare mi ha fatto venire, spesso, in mente Sherlock Holmes …. non so perché questo probabilmente me lo farò spiegare direttamente da Simoni la prossima volta che lo vedo.

TERZA DI COPERTINA

Con l’inquisitore Girolamo Svampa, Marcello Simoni inventa una straordinaria figura di detective, qui alle prese con un intricato mistero nella Roma barocca di Urbano VIII.

«Nell’immagine stereotipa che attribuiamo al Medioevo c’è curiosamente molta dell’oscurità che fu del XVII secolo. Ho voluto raccontare la luce del Seicento e il suo buio. Svampa è il personaggio ideale per farlo» – Marcello Simoni

Nella Roma del Secolo di Ferro, a pochi giorni dall’inizio del XIII giubileo, la danza macabra incisa su un opuscolo di contenuto libertino sembra aver ispirato l’omicidio di un religioso. Sul caso viene chiamato a investigare l’inquisitore Girolamo Svampa, nominato commissarius dagli alti seggi della curia capitolina. Ad aiutarlo, tra ritrovamenti di libelli anonimi e strani avvistamenti di un uomo mascherato, ci sono padre Francesco Capiferro, segretario della Congregazione dell’Indice, e il fedele bravo Cagnolo Alfieri. L’indagine, che porta lo Svampa a scontrarsi con personaggi potenti, si rivela subito delicata e pericolosa: prima che si arrivi alla soluzione del mistero ci saranno altri morti. Porta sul collo, impresso a fuoco, il marchio di un roveto ardente. È razionale come uno scienziato, eppure esperto di demonologia e stregoneria. È scostante, abitudinario, con una patologica avversione per la fugacità del presente; per lui esiste solo la certezza inalterabile di ciò che è già accaduto. Con l’inquisitore Girolamo Svampa, Marcello Simoni inventa una straordinaria figura di detective, qui alle prese con un intricato mistero nella Roma barocca di Urbano VIII. Il cadavere di un uomo incastrato dentro un torchio tipografico. Un investigatore, il cui passato è un mistero perfino per lui, alle prese con intrighi politici, segreti ecclesiastici e vendette private. Una vicenda tesissima ambientata nell’Italia del Seicento, dove la diffusione della stampa sta aprendo le prime crepe nelle mura dell’oscurantismo.

Annunci

Rispondi