Formicae – Piernicola Silvi

cover-silvis

Ho deciso di leggere questo libro dopo che Arturo, collega libraio, e creatore delle video recensione che trovate più sotto me ne ha parlato con toni entusiasti (e non aveva torto)
Un bel libro, un bel thriller e anche un bel noir. Dove finalmente non si incontrano tutti gli stereotipi tipici di questo genere.
Senza fare spoiler cercherò di spiegare cosa mi è piaciuto.
Intanto la doppia narrazione .. quella dell’investigatore e quella dell’investigato che procedono di pari passo e si intersecano (mi viene in mente Carambole di Hakan Nesser)
Ritmico, avvolgente … oserei direi molto televisivo (qui mi viene in mente Sandrone Dazeri di “Uccidi il Padre”) . Una visione molte reale di tutto quello che sta intorno alla risoluzione di un caso .. giornalisti, talk show, politici …riprodotti molto fedelmente a quello che si vede in tv dopo fatti criminosi.

Un difetto vogliamo trovarlo ?
< un ora dopo> mumble mumble mumble < molto tempo dopo>
Un finale un po troppo americano.

TERZA DI COPERTINA

“Mi chiamo Renzo Bruni e dirigo la seconda divisione dello Sco, il servizio centrale operativo della Polizia di Stato. Fare il poliziotto era quello che volevo. Il mio lavoro è applicare la legge e cerco di farlo nel migliore dei modi. Ho delle storie da raccontare perché ne ho vissute molte. E le ho sofferte tutte”.

La voce al telefono dice che Livio Jarussi, il bambino scomparso da due anni, è vivo e sta bene. Aspetta soltanto di essere riportato a casa, dai suoi genitori. Quando la polizia arriva nel luogo indicato dalla voce anonima, una discarica alla periferia di Foggia, trova una scena sconcertante. Qualcuno ha allestito un terribile quadro rituale. Sepolto malamente tra i rifiuti c’è il corpo di Livio. Sulla misera tomba, come un lugubre ornamento, si alza una croce di legno e ferro. Ciò che rimane di Livio, ormai mangiato dalla terra che lo ha nascosto per due anni, è quasi solo un brandello della felpa che indossava al momento della scomparsa, dove campeggia la scritta Zio Teddy. Una macabra firma.
Per Renzo Bruni, alto funzionario del Servizio Centrale Operativo, il mitico SCO, l’unità investigativa della Polizia di Stato, questo ritrovamento significa tornare a occuparsi del caso che più di ogni altro l’ha tormentato, come poliziotto e come uomo. Per Zio Teddy invece è semplicemente la ripresa di una partita a due, giocata con gli strumenti del male. Ma in questa storia ad alta tensione emotiva, scritta da un maestro italiano del thriller, ciò che a prima vista sembra vero non è detto che lo sia fino in fondo. In questa storia le cose che accadono hanno sempre un lato sinistro. La partita inizia tra i due avversari, infatti, si apre presto a un terzo giocatore, il più feroce, il più sfuggente.
Anche lui, come Bruni, ma per ragioni diverse e inaspettate, vuole che il mostro di Livio e di altri innocenti torni nell’inferno brulicante di formiche che lo ha generato.

F

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...