Abbiamo venduto tutti l’anima al diavolo ?

Qualche tempo fa scrivevo questo post CLICCATE QUI sul fatto che Google attraverso il suo account di posta GMAIL e attraverso ANDROID era a conoscenza di tutto quello che facciamo con il computer (anche se avete un Mac …. è Apple non è meglio) e con il cellulare.

Oggi vi racconto che GOOGLE sa dove eravate ad una certa ora in un certo giorno:
scena da film giallo:

  • Dove era lei il pomeriggio del 30 Marzo ?
  • Mi faccia accedere a Google che glielo mostro !

Ecco come potrebbe svolgersi un terzo grado fra un po di tempo.

Perché ?

Avete un account Google o un telefono Android ?
Se la risposta è si
CLICCATE QUI

Storie assassine – Bernard Quiriny

5f89429d786705cf2c14c6f7e46c648d_w600_h_mw_mh_cs_cx_cySe volete leggervi un libro di racconti surreali, assurdi, divertenti non potete non leggervi STORIE ASSASSINE di Bernard Quiriny. Un fottuitissimo genio questo francese.
Racconti brevi, a volte brevissimi e in alcuni casi seriali. Sono convinto che noi lettori italiani ci perdiamo molto nei giochi, intraducibili, di parole della lingua francese.

TERZA DI COPERTINA
In questo trattato di assurdologia c’è di tutto: cose che prendono la parola, amanti che si azzurrano, critici che si fanno un punto d’onore di ammazzare i loro scrittori, sconcertanti diari di bordo, rigorose relazioni antropologiche su tribù lontane, carcerieri ossessionati, bevitori incalliti, casi clinici, rettifiche che rettificano rettifiche. Una collezione molto particolare di racconti sorprendenti, venati stavolta da un composto humour nero che provoca risate aperte, sorrisi a denti stretti e qualche ghiaccio brivido

54 – Wu Ming

“L’Italia e uno stivale, noi abbiam provato di lustrarlo, ma il posto di uno stivale resta
sempre il fango

54

Un romanzo storico, apparentemente, sul secondo dopoguerra. Dico apparentemente perché il 1954 segna una svolta nella storia contemporanea. Nasce il KGB in Russia, in america il senatore McCarthy e la sua politica iniziano la parabola discendente. La sconfitta della Francia in Indocina, il caso Montesi in Italia, iniziano le trasmissioni televisive del PROGRAMMA NAZIONALE. Un romanzo fatto di tante storie fra le quali  anche quella del fantomatico film che Cary Grant doveva girare in Yugoslavia per conto della CIA nel tentativo di avvicinare Tito alle posizioni occidentali ( o tenerlo lontano dalla russia di Stalin)

SINOSSI

Non è dopoguerra, è solo un’altra guerra. Il mondo è diviso in blocchi, in realtà ideologie e frontiere si stanno già sgretolando: merci e droga non conoscono confini. Dalla Dalmazia a Mosca a Hollywood, da Napoli alla Francia, da Bologna a Trieste, tra balere, viaggi clandestini oltrefrontiera e incontri di pugilato, una folla di protagonisti, spinti da una corrente che li travolge e li supera, si muove verso uno sbocco ignoto. Nuovi eretici, ex partigiani, contrabbandieri, narcotrafficanti, agenti segreti, figli in cerca di un padre si muovono e si sfiorano, inconsapevoli pedine di un grande disegno.

Crepuscolo – Ken Haruf

Se devo trovare parole per definire questo libro non posso che usare DESIDERIO DI ACCETTAZIONETutti i personaggi hanno un desiderio di essere accettati e condividere la propria vita con gli altri … al punto che per non vivere in solitudine un personaggio preferisce la compagnia di un uomo cattivo e violento anche quando non c’è bisogno. Ritroviamo i fratelli McPheron che devono sopravvivere all’abbandono di Victoria che è andata all’università. Troviamo DJ che vive e si prende del nonno e due sorelline e una coppia di fratello/sorella. Vite semplici. Questa volta, però, Haruf non ci lascia con quel sapore di fiducia nei confronti del genere umano … anzi c’è ne fa vedere anche la parte violenta, piccola.

crepuscolo_cover_def_piatto-709x1160

 

La terapia – Sebastian Fitzek

Geniale, inquietante e tormentante.

“Sei pronto per la verità?
La verità è sepolta nelle pieghe dell’inconscio”

terapia-manubri-def_layout-1-processato
Viktor Larenz è uno psichiatra di Berlino, brillante, ricco e reso per di più celebre dalle sue frequenti apparizioni televisive. La sua vita pero va improvvisamente in frantumi quando la figlia dodicenne Josy, affetta da una malattia sconosciuta, scompare senza lasciare traccia durante una visita nello studio del dottore che l’ha in cura. Viktor la cerca ovunque senza mai rassegnarsi, ma tutto ciò arriva a costargli la carriera e il suo stesso matrimonio. Quattro anni dopo, Viktor Larenz si è ritirato in un’isola lontano da tutto e da tutti, quando riceve la visita di Anna Spiegel, una scrittrice di libri per bambini che sostiene che i personaggi che crea possano diventare reali. Uno di essi, in particolare, somiglia in modo impressionante alla piccola Josy e forse porta con sé la risposta a ciò che è accaduto alla bimba di Viktor. Ma chi è davvero Anna Spiegel, e perché sua figlia Charlotte ha gli stessi sintomi di Josy e deve sfuggire a un’identica minaccia?

Mon Roi – Il mio Re di Mailwenn

Come Tony, non ho ancora capito se arrabbiarmi con il personaggio di Cassel o arrendermi ed amarlo. In definitiva è questo che Georgio chiede alla sua compagna e al mondo: essere accettato. La scena finale, quella della promozione del figlio, diventa emblematica di questo: Georgio viene “promosso” genitore, lui che è sempre stato enfant terrible. Tony è una donna bruttina e borghese che fa l’avvocato e incontra l’uomo che diverrà la sua ossessione. Legati da un’attrazione essenzialmente fisica, i due inizialmente si divertono a sfidare le convenzioni e “fare i matti” in pubblico. Ma il carico di incomprensioni diventa insostenibile quando arriva la gravidanza di Tony, proprio nel momento in cui la donna capisce che lei il suo uomo non lo conosce affatto. Scoprirà che ha una relazione ambigua con la ex, cui si sente legato da un senso di colpa quando lei tenta il suicidio e scoprirà che ha dei debiti che gli valgono il pignoramento dei beni incautamente messi in comune col marito. Peraltro lui rivela alla donna che si fa di droghe e spesso la tradisce…Matrimonio e gravidanza vengono affrontati da entrambi con assoluta leggerezza finché arriva la resa dei conti. Per continuare ad avere un buon rapporto devono vivere separatamente…Quel che è certo è che Cassel interpreta un personaggio che gli è congeniale..anzi non sembra fare alcuno sforzo di immedesimazione; gli interpreti sono in effetti la chiave vincente del film.

Phishing by SMS

Stamani ricevo un SMS da PosteItaliane  +393110500000 nel quale vengo avvertito che il mio conto è stato bloccato. Per riattivarlo devo clicare su un sul link ed inserire le mie credenziali. ORA. Io non ho un conto Poste Italiane.  Quindi è chiaramente un tentativo fraudolento di fregare. Quel numero è stato usato nel passato anche per mandare SMS a nome di diverse Banche … le prime che mi vengono in mente sono Intesa, Marche e Deutsche Bank. Attenzione non fidatevi. cancellate e non cliccate su nessun link.

Fore Morra – Diego Di Dio

Schermata 2017-03-16 alle 22.06.39
Questo non è un libro … è una BOMBA di libro. Sono convinto che se invece del nome dell’autore ci fosse quello di un suo concittadino più famoso sarebbe fra i libri più venduti.
Perché il libro lo meriterebbe. Fore Morra è tante cose è tanta roba.
Un romanzo di azione che non ti lascia mai, dal quale non riesci a staccarti.
Un romanzo che narra la storia di una discesa negli inferi, una discesa senza nessuna speranza di redenzione. La storia di due ragazzi Alisa e Buba (*) che ad un certo punto della loro vita si incontrano e formano una coppia professionalmente valida senza però essere una “coppia” .. forse.
Non voglio e non ho mai raccontato le trame dei libri e non lo farò adesso. Però datemi retta correte in libreria se leggete in cartaceo, accendete il vostro ebook se leggete in digitale e correte a prenderlo.

(*) All’inizio non capivo il soprannome … a Firenze i’Buba è la persona che si lamenta in continuazione di tutto che ha sempre da ridire di tutto, di tutti, su tutto… il personaggio del libro invece non è così e questo all’inizio mi ha un po spiazzato

Schermata 2017-03-16 alle 22.03.13

TERZA DI COPERTINA
Alisa e Buba sono due sicari. Entrambi sono professionali, spietati, ben noti nell’ambiente. Lavorano insieme, ma non potrebbero essere più diversi. Buba è un uomo possente, maniacale, una perfetta macchina di morte dal passato ambiguo e oscuro. Alisa è una sopravvissuta. Si porta dietro il fardello di un’infanzia trascorsa tra violenze e angherie, tra abusi e povertà: è cresciuta ai margini di una società feroce e impietosa. Quando viene commissionato loro l’omicidio di un piccolo camorrista, scoprono che si tratta di una trappola architettata da un uomo potente e determinato, chiamato “il boss”, e di cui si sa una cosa sola: il suo obiettivo è catturare Alisa, catturarla viva. Andando a ritroso nella memoria, esplorando i tormenti e le violenze subite nella sua vita, Alisa dovrà capire chi si nasconde dietro la grande macchinazione congegnata ai suoi danni. Lei e Buba dovranno addentrarsi tra i quartieri di Napoli e negli antri bui della mente umana, per scoprire quanto profondo e devastante possa essere l’odio di un uomo tradito. Fore morra: fuori dalla camorra. Come proiettili impazziti, con tutti e con nessuno.