Demons and Wizard di A. Berselli

Con l’ingresso in line-up di Lee Kerslake (batteria) e Gary Thain (basso), gli Uriah Heep danno alle stampe nel 1972Demons & Wizards il loro quarto album in studio. Registrato presso i Lansdowne Studios l’album, prodotto per la prima volta utilizzando un 16 tracce, rappresenta una vera e propria raccolta di classici e non a caso viene definito il miglior album della band inglese. The Wizard scelto come singolo insieme ad Easy Livin’ rappresentano due facce della medaglia del sound degli Heep (acustica la prima, elettrica e movimentata la seconda) che proseguono stilisticamente sulla strada tracciata dal precedente Look at Yourself tirando fuori un album più maturo in cui il sound di tastiere e chitarra di classica matrice hard rock raggiunge probabilmente l’apice compositivo. Anche in questo caso non mancano tuttavia episodi più intimistici come in Circle of Hands o nella conclusiva The Spell brano quasi “operistico” in cui sono soprattutto le doti vocali di David Byron a fare la differenza. Demons & Wizards rappresentò una sorta di consacrazione per la band mai profeta in patria, che finalmente riuscirà ad entrare con The Wizard anche nelle classifiche inglesi rimanendovi per diverse settimane.
Fonte: Wikipedia

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.