acido solforico – amelie nothomb

APPUNTI DISORDINATI DI LETTURA
Iniziamo dicendo che il libro esce in Francia nei primi anni zero.
Acido solforico è una satira pungente sulla moda di seguire le avventure di un gruppo di sconosciuto (o quantomeno pseudo-famosi) rinchiusi in una casa.
Il reality del libro si chiama CONCENTRATION ed ripropone una situazione simile a quella dei campi di concentramento tedeschi della II Guerra Mondiale. Non ci sono provini. I personaggi vengono rapiti per le strade a caso (probabilmente).
Breve e scomodo che mette di fronte il lettore alla propria ipocrisia.

AGGIUNTA DEL 2019
Immaginiamo che una rete televisiva decida di creare un reality e di chiamarlo NAUFRAGHI rapendo persone per caso in mezzo alle nostre strade. Alcuni poi verrebbe lasciati sulle coste libiche in mano ad altri (che fungerebbero da aguzzini) a sperare di trovare una barca per tornare a casa. Per poi imbattersi in un Primo Ministro (sempre scelto a caso fra i rapiti) che dovrà decidere se lasciarli in mano agli aguzzini, lasciarli annegare o farli rientrare in italia.

Alla fine è quello che succede nella realtà (Minniti o Salvini poco cambia) e il nostro cinismo ipocrita ci fa vedere questi accadimenti proprio come se fossero un grande show … senza pensare che si sono uomini, donne e bambini che persone la vita.

Un reality show dall’inequivocabile nome Concentramento, basato su regole che ricordano il momento più orribile della storia dell’umanità. Per le strade di Parigi si aggira una troupe televisiva inviata a reclutare i concorrenti, che vengono caricati su vagoni piombati e internati in un campo dove altri interpretano il ruolo di kapò. La vita di tutti si svolge sotto l’occhio vigile delle telecamere e il momento di massima audience arriva quando i telespettatori decidono l’eliminazione-esecuzione dallo show di un concorrente attraverso il televoto. Gli strali della scrittrice da sempre al centro di polemiche colpiscono questa volta, con meno leggerezza ironica e più disgusto, una società in cui la sofferenza diventa spettacolo.