Cucinare un orso – Mikael NIEMI

Gran parte della storia è basata su fatti reali accaduti nella zona dove il Pastore Lars Levi Laestadius svolge le sue funzioni. Oltre che un pastore Lars è anche un botanico, un uomo di scienze che, in questo romanzo, usa per risolvere alcuni crimini.Tuttavia la cosa che mi è piaciuta è il rapporto che si instaura fra il pastore e il trovatello Jussi che viene preso sotto l’ala protettrice del religioso. Nel corso della narrazione il romanzo di fa nero sempre più nero.Le difficolta di Jussi, di origine Lappone, a inserirsi nella locale comunità per le difficolta della piccola di comunità di accettare uno straniero. Al punto che viene incolpato dei massacri perché a qualunque latitudini il cattivo è sempre qualcuno che viene da fuori. Il massacro di un animale .. l’orso del titolo … il cui sangue scorre in tutte le pagine del libro. Un libro che può rientrare in svariate catalogazioni … Noir, Narrativa Storica Svedese. Nonostante questo procuratevene una copia e godete.


TERZA DI COPERTINA

«Ho vissuto come i miei antenati. Ho ricalcato le orme dei sami. Ma adesso non mi basta più.»

Corre l’anno 1852 e nel profondo nord della Svezia tuona la parola di Læstadius, carismatico pastore di origini sami che ha fondato un rivoluzionario movimento spirituale in lotta con le autorità libertine del distretto. Al suo fianco Jussi, un ragazzo lappone dal tragico passato che lui ha accolto e istruito come un figlio ma che tutti chiamano con timore e disprezzo noaidi, lo sciamano. La tensione tra il pastore e i suoi nemici sale quando una giovane serva viene trovata morta nella foresta. Il giudice Brahe dichiara subito che è stato un orso, ma Læstadius, che è anche un esperto botanico, abituato a osservare i più minuziosi dettagli del paesaggio, trova diverse tracce riconducibili a un assassino. Uomo di fede e di ragione, letterato e biologo teso a indagare la natura quanto l’anima per elevare lo spirito umano, il predicatore si fa ingegnoso detective per ricercare la verità, mentre il male che vi si annida travolge sempre più Jussi – il diverso, l’indifeso, il capro espiatorio designato – facendo vacillare ogni fiducia nella giustizia umana e divina. Le atmosfere del Nome della rosa rivivono in questo romanzo ispirato da un personaggio storico che attraverso l’istruzione e il potere della parola scritta ha cercato di dare voce e riscatto alla bistrattata minoranza sami. Visionario, crudo, lirico, pulp, con fulminanti incursioni nel sapere scientifico ottocentesco e nell’estasi mistica, Cucinare un orso ci irretisce in un universo narrativo tanto audace quanto capace di proiettarci nel cuore vivo di un’epoca e di una terra ai margini artici del mondo –eppure così vicina alla nostra – dentro una storia di irresistibile forza epica.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.