Archivi categoria: storia

tante piccole sedie rosse – edna o’brien

Iniziamo a dire che questo è un libro per STOMACI FORTI.
infatti l’agghiacciante racconto di Edna o’Brien si ispira alla vita
del Macellaio di Sarajevo … ovvero Radovan Karadzic.
Il romanzo riprende le ferite create nella guerra bosniaca e ci fa sentire la continua e persistenze presenza del male.

TERZA DI COPERTINA
Una notte d’inverno un misterioso straniero raggiunge a piedi un villaggio sulla costa irlandese. Dice di essere un poeta e un guaritore, di avere erbe e pozioni per lenire i dolori e curare i problemi sessuali. Ha una personalità magnetica, tanto che la piccola comunità di Cloonoila ne è presto conquistata. Fidelma McBride più di tutti. E il suo destino rimarrà segnato in modo ineluttabile.

Atti Umani – Han Kang

Questo slideshow richiede JavaScript.


Un libro BRUTALE senza compromessi. Grazie a questo libro conosciamo le conseguenze della macellazione umana che è stata fatta in Corea del Sud negli anni ’80. Conosciamo le conseguenze  anche a distanza di anni … di decenni. Leggiamo la devastazione attraverso scorci di vita di chi ha subito, vissuto e sfiorato i fatti.

La rivediamo uguale a tante altre macellazioni avvenute anche alle nostre longitudini e latitudini.  sottovoce piano piano un ricordo diaz genova

b4cf11f2ffad806ffe99247499d13cf3_w600_h_mw_mh_cs_cx_cy
TERZA DI COPERTINA
Una palestra comunale, decine di cadaveri che saturano l’aria di un «orribile tanfo putrido». Siamo a Gwangju, in Corea del Sud, nel maggio 1980: dopo il colpo di Stato di Chun Doo-hwan, in tutto il paese vige la legge marziale. Quando i militari hanno aperto il fuoco su un corteo di protesta è iniziata l’insurrezione, seguita da brutali rappresaglie; Atti umani è il coro polifonico dei vivi e dei morti di una carneficina mai veramente narrata in Occidente. Conosciamo il quindicenne Dong-ho, alla ricerca di un amico scomparso; Eun-sook, la redattrice che ha assaggiato il «rullo inchiostratore» della censura e i «sette schiaffi» di un interrogatorio; l’anonimo prigioniero che ha avuto la sfortuna di sopravvivere; la giovane operaia calpestata a sangue da un poliziotto in borghese. Dopo il massacro, ancora anni di carcere, sevizie, delazioni, dinieghi; al volgere del millennio stentate aperture, parziali ammissioni, tardive commemorazioni. Han Kang, con il terso, spietato lirismo della sua scrittura, scruta tante vite dilaniate, racconta oggi l’indicibile, le laceranti dissonanze di un passato che si voleva cancellato.

Il giardino delle bestie – Erik Larson

_larson-1351060292Libro interessante sotto tanti punti di vista. Come l’America vedesse di “buon occhio” la Germania Hitleriana e i fatti che vi accadevano … Come la società e il governo degli USA giudicavano inopportuno un qualsiasi tipo di interventi americano anche dopo i fatti  del 30 Giugno passati alla storia come “la notte dei lunghi coltelli”.  Come e perché Dodd l’ambasciatore viene mandato in Germania. Con l’unica missione di cercare di recuperare i crediti che le aziende e privati cittadini americano hanno nei confronti di aziende e del governo tedesco anche e soprattutto attraverso il “chiudere non uno, ma ambedue gli occhi” sulla violenza che veniva perpetrata ai danni di civili.
Per ultimo il totale disinteresse per la questione ebraica sottomessa agli interessi economici.

Ricordiamoci che nelle elezione a presidente usa successive si presentò candidato Charles Lindenbergh con spiccate simpatie naziste .. a significare l’antisemitismo strisciante nella societe americana

TERZA DI COPERTINA
Questo libro narra della storia vera di William E. Dodd e di sua figlia Martha, un padre e una giovane donna americani che si ritrovano improvvisamente trapiantati dalla loro accogliente casa di Chicago nel cuore della Berlino nazista del 1934. Sessantaquattro anni, snello, gli occhi grigio-azzurri e i capelli castano chiaro, nel 1933 William E. Dodd è un rispettabile professore di storia all’università di Chicago. Mentre siede alla sua scrivania all’università, Dodd riceve una telefonata da Franklin Delano Roosevelt, il presidente degli Stati Uniti, che gli annuncia la sua intenzione di nominarlo a capo della rappresentanza diplomatica americana a Berlino. Ed è cosi che, al loro arrivo, William e Martha si ritrovano ad attraversare una città addobbata di immensi stendardi rossi, bianchi e neri; a sedere negli stessi caffè all’aperto frequentati dalle SS in uniforme nera; a passare davanti a case con balconi traboccanti di gerani rossi; a fare acquisti nei giganteschi empori della città, a organizzare tè, aspirare le fragranze primaverili del Tiergarten, il parco principale di Berlino; ad avere rapporti sociali con Goebbels e Göring, in compagnia dei quali cenare, danzare e divertirsi allegramente; finché, alla fine del 1934, accade un evento che smaschera la vera natura di Hitler e del potere a Berlino, la grande e nobile città che agli occhi di padre e figlia si svela per la prima volta come un immenso Tiergarten, un giardino delle bestie.

L’italia del 12 dicembre

Il 12 Dicembre la Strage di Piazza Fontana. La sera stessa grazie ad un operazione di polizia vengono arrestati piu di ottanta anarchici. Alcuni giorni dopo Pinelli si getta dalla finestra durante un interrogatorio al quale è presente il giovane commissario Calabresi, ma non è di lui che voglio parlare.

Il Questore di Milano dell’epoca è un tal
MARCELLO GUIDA … O chi è ?

Il dott.re Guida durante il ventennio fascista è il Direttore carcere di Ventotene dove venivano rinchiusi e prigionieri politici.

Scritto con WordPress per Android