Archivi categoria: Vita reale

Trilogia della città di Cacca – Vol. 2

Chi si forse perso la prima parte può leggerla qui

Parte seconda FRONTE RETRO
Credo che in tutto il mondo quando viene richiesto la presentazione di un documento e della sua fotocopia FRONTE/RETRO sia indifferente se:
a- il documento è fotocopiato dalla stessa parte del foglio
b- il documento è fotocopiato su due pagine una per il fronte e una per il retro
c- il documento è fotocopiato su una pagina, ma il fronte da una parte e il retro dall’altra.

Credo che sia indifferente, l’importante è che la copia del documento corrisponda alla persona e all’origina del documento.

Nella città di cacca NO !
Mi sono presentato presso un “posto” per attivare una Ricaricabile LOTTOMATICA
con il caso a) ma non mi è stato accettato perché non era fronte e retro.

Non-ostante la richiesta ricevuta per E-Mail fosse la seguente:

Per ritirare la tua nuova carta prepagata PayPal, ricorda di portare con te:
il codice di precontrattualizzazione
il documento di riconoscimento che hai inserito nel modulo di richiesta
due fotocopie fronte/retro del documento di riconoscimento di cui sopra
la tessera sanitaria con il tuo codice fiscale

La città di CACCA non smette mai di stupirmi.
Secondo la persona che mi ha accolto

il fronte (documento) doveva stare sul fronte (A4)
il retro (documento) doveva stare sul retro (A4)

Troppo complicato per me questo mondo.

Il calore di un abbraccio – Bobo Rondelli …. per i morti di parigi

Come sto in questo momento
di ansia il cuore mio struggendo
solo nel grande universo.
Penso a luoghi a me lontani
di altre genti, altre nazioni
di anime che stan soffrendo

e da questo non capisco
come l’uomo ancora adesso
possa aggiungere dolore
quando solo ciò che vuole
è il calore di un abbraccio
il calore di un abbraccio.

Penso a luoghi a me lontani
di altre genti, altre nazioni
di anime che stan soffrendo

e da questo non capisco
come l’uomo ancora adesso
nel gran nome del progresso
o perché il suo dio lo vuole
renda un altro uomo cane
e gli tolga anche il suo pane

col calore di un abbraccio..

BASTEREBBE

Non so se sia un segno dei tempi o se sia solamente una smascherata necessità di ognuno di noi, ma so che non è raro scontrarmi con un
assoluto bisogno personale di relazioni profonde, disinteressate e appassionate.
Nell’epoca di internet e dei cellulari, della possibilità di comunicare in ogni momento con qualsiasi parte del mondo, a voce.

Questo post l’ho recuperato da un mio vecchio blog ed è del 2008

Burocrazia o Teatro dell’Assurdo ?

Come, oramai, molti di Voi avranno capito sono domiciliato a Ferrara dal 2006. Per tutta una serie di motivi non avevo mai preso ne il domicilio presso la AUSL ne la residenza anagrafica.
Decido di iniziare a fare questo percorso e mi informo:
Per poter avere il medico a ferrara devo:
a) documento di riconoscimento,
b) TEAM,
c) la dichiarazione dell’ASL di provenienza attestante la revoca del medico,
d) tessera sanitaria di precedente iscrizione.
Allora punto A e D nessun problema …
Per il Punto C perché IO cittadino devo andare alla AUSL di Scandicci avvertirli che mi voglio spostare a Ferrara … poi andare a Ferrara e documentare che ho avvisato Scandicci …. ma per sveltire e rendere un SERVIZIO al cittadino non potrebbe fare tutto l’AUSL di destinazione ?
il punto B scopro dopo ricerche che è il retro del punto D
Ovvero al punto B devo presentare il retro della Tessera Sanitaria
al punto D) il fronte …..
Quindi per spostare temporaneamente il medico curante da Scandicci a Ferrara devo prendere almeno un paio di giorni di ferie sperando che gli orari di apertura delle due AUSL mi permettano di poter fare in così breve tempo
Altro che AUSL questo mi sembra UCAS (Ufficio Complicazioni Affari Semplici).
Adesso passiamo al cambio di Residenza.
Se io volessi spostare la residenza da un comune X a comune Y (escluso Ferrara) oltre alle varie domande devo presentare due documenti importanti ….
Il CONTRATTO DI AFFITTO (nel quale risulta che sono affittuario regolare di un immobile nel Comune nel quale chiedo la residenza)
Il CONTRATTO DI LAVORO o le ULTIME BUSTE PAGA dove risulta che mi trasferisco per lavoro
A Ferrara NO (oppure alternativa che reputo abbastanza più facile ovvero o che non sanno spiegarsi o che intendano rendere più difficile il trasferimento in città). Perché oltre a tutto quello che va presentato nel resto d’italia
oltre al contratto di affitto devo presentare una dichiarazione sottoscritta davanti al Messo Comunale/Notaio/etc. etc. nella quale il proprietario dichiara di essere a conoscenza del fatto che io abito in una casa di sua proprietà ….
ma il Contratto di Affitto cos’è allora se non un NEGOZIO GIURIDICO PATRIMONIALE dove due parti si accordano una a cedere il diritto di utilizzo nei termini del contratto (tempo e canone) e l’altra ad utilizzare l’immobile nei tempi e con il versamento del canone pattuito ovvero non è già presente la dichiarazione che io utilizzerò l’immobile a fini abitativi ?
Allora perché devo fare un’altro foglio ? andare davanti ad un Notaio (spendere soldi) o a un messo comunale per fare quello che ho già fatto firmando un contratto ?

LA VITA NELLA CITTA’ DI KAKKA
Scena da Teatro dell’assurdo che mi sono immaginato dopo la mia richiesta di informazioni sulla prendere residenza nella citta di kakka.
Il Sig.re AT acquista un bilocale nella città di kakka per andarci a vivere. AT si presenta all’ufficio anagrafe della città di kakka per andare a prendere la residenza.
Kakka: buongiorno lei vuol prendere la residenza in questa Citta giusto ?
AT: si nell appartemento sito in via del fossacchiotto 66
Kakka: deve venire con il proprietario che attesti che lei non è abusivo nella sua casa
AT: sono io il proprietario
Kakka: bene allora mi certifichi che il suo inquilino non occupa la casa illegalmente
AT: ma la uso io la casa sono io l’inquilino oltre che proprietario
Kakka: Non faccia storie firmi qui che lei come proprietario e a conoscenza che usa il suo appartamento senza occuparlo abusivamente.
In confronto Kafka nel processo era un dilettante e Ionesco un pulcino

Tre anni e sei mesi

FONTE

Ferrara, 06-07-2009

Paolo Forlani, Luca Pollastri, Enzo Pontani e Monica Segatto sono stati riconosciuti colpevoli di eccesso colposo e condannati a 3 anni e 6 mesi per l’omicidio di Federico Aldrovandi, il ragazzo di 18 anni morto il 25 settembre 2005 a Ferrara. Il tribunale della città estense ha così riconosciuto l’impianto della pubblica accusa, per la quale la morte del giovane fu dovuta ad asfissia per un errato comportamento degli agenti e a cause meccaniche dovute alla colluttazione con loro.

Il pm Nicola Proto aveva sottolineato la concausalità del comportamento degli agenti del “tutto imprudente e sproporzionato”, chiedendo una condanna a tre anni e otto mesi per ciascuno dei quattro agenti. Per la difesa, concausa della morte di Aldovrandi era invece l’assunzione di droghe dello stesso giovane.

I poliziotti sono stati giudicati colpevoli di avere infierito sul giovane Aldrovandi – come ha sostenuto l’accusa – nonostante questi continuasse a chiedere aiuto, ammanettandolo con la mani dietro alla schiena e steso per terra a faccia in giu’, in una posizione che secondo alcuni periti avrebbe causato un’asfissia posturale. Il processo si è svolto attraverso una serie di perizie e di controperizie mediche e tossicologiche per accertare se la morte fosse da attribuire alla colluttazione seguita all’intervento violento degli agenti (per asfissia posturale o per un arresto cardiaco dovuto alla violenza dell’arresto) o se invece il giovane, come ha ipotizzato la difesa degli agenti, non fosse sotto l’effetto di sostanze assunte la notte prima dell’arresto in un locale di Bologna.

Il giudice monocratico, dopo quasi cinque ore di camera di consiglio, ha deciso per la colpevolezza degli imputati. Alla lettura della sentenza c’e’ stato un applauso e l’abbraccio in aula dei genitori e del fratello del giovane Aldrovandi, che in questi anni si sono battuti per cercare la verità. I difensori dei poliziotti hanno preannunciato appello.

Volevo segnarmi in palestra

vado per chiedere informazioni.
Alla reception mi accoglie un bella figliola che
inizia una lunga spiegazione: “questo e’ il paradiso del
fitness e del wellness: qui puo’ fare pesi, tapis roulant, cyclette, step, gag, stretching, pilates, spinning, aquagym, body building, total body workout, fitbox, yoga, ma anche sauna, bagno turco e massaggi shiatsu!”.

perplesso chiedo:
“Ascolta, ma la ginnastica la fate?”

Beverly incidentato

Alcuni di Voi, sanno gia’ la mia disavventura (*) ….. dopo 9 giorni di possesso del Bev200 vengo tamponato da un Iveco DAILY … e devo fare a meno per tutto il mese di Agosto del motorino ….
Stasera dopo 10 ore circa di lavoro stressante, lavoro nella piu’ grande xxxxxx di Firenze, vado a predenre il Bev
….e ……..

S O R P R E S A  ……..

un coglione, perché altro non puo’ essere …. forse una coglionA, ha
spostato di peso lo scooter e …per andare diritto adesso devo far finta di curvare  a destra …….

Fortunatamente LUCA, il conce, a cui ho rotto i bip-bip a cena … domani mattina riesce “forse” a ripararlo …

(*) chi non ne fosse a conoscenza vada a leggersi VENERDI’ 25 Luglio