Scrivevo questo di me nel 2001

“Tutta la verita’, nient’altro che la (mia) verita’; il sottoscritto mantiene le promesse.
E mi metto a nudo; raccontando cosi’, attraverso le vicende della mia personale ascesa al successo, tutti gli aspetti, anche quelli meno piacevoli, del mondo in cui ho vissuto. In un percorso cha parte dai film bulgari degli anni 70 per arrivare all’incontro-scontro con il Renato Curcio di ISCF, non e’ difficile leggere in contro luce piu’ di un frammento della storia e del costume del nostro Paese.
Ma questo sito e’ soprattutto il racconto di un sogno che si fa’ realta’, il diario di viaggio di uno stonato innamorato della musica.

Nasco a Firenze il 31 Luglio 1961. Vorrei imparare a suonare uno strumento da ragazzo (provo con la chitarra, poi con Sassofono): intorno ai quattodici anni scopro i cantautori ed il rock e la scoperta mi cambia la vita. Superati i vent’anni inizio a viaggiare per il mondo e scoprire nuove culture, arrivato a quaranta mi fermo. Come la moglie di ex-ministro dell’ambiente ripenso ….. ai miei primi quarant’anni.

Saluti e buona lettura

Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte – Mark Haddon

item_73465Scritto in stato di grazia da un autore di libri per bambini, con l’io narrante di Christopher (15 anni – autistico), non solo verosimile e capace di incantare, è un romanzo semplice dalla narrativa convincente. Un libro, insomma, che nasconde tra le sue pagine la rara possibilità del “semplice” piacere della LETTURA.”

TRAMA
Quando scopre il cadavere di Wellington, il cane barbone della vicina, Christopher Boone capisce di trovarsi davanti a uno di quei misteri che il suo eroe, Sherlock Holmes, era così bravo a risolvere. Perciò incomincia a scrivere un libro mettendo insieme gli indizi del caso dal suo punto di vista.E il suo punto di vista è davvero speciale. Perché Christopher soffre della sindrome di Asperger, una forma di autismo, e ha un rapporto molto problematico con il mondo. Odia essere toccato, odia il giallo e il marrone, non mangia se cibi diversi vengono a contatto l’uno con l’altro, si arrabbia se i mobili di casa vengono spostati, non riesce a interpretare l’espressione del viso degli altri, non sorride mai. Adora la matematica e l’astronomia, e uno dei suoi pensieri preferiti è immaginare di essere l’ultimo uomo sopravvissuto sulla Terra, o l’unico marinaio a bordo di un sottomarino nelle profondità dell’oceano.Scrivendo il suo libro giallo, e ripensando a romanzi come Il mastino dei Baskerville, Christopher inizia a far luce su un mistero ben più importante di quello del cane barbone. Come è morta sua madre? Perché suo padre non vuole che lui faccia troppe domande ai vicini? Per rispondere a queste domande dovrà intraprendere un viaggio iniziatico in treno e in metropolitana, in luoghi e in situazioni che prima di allora avrebbe trovato intollerabili, approdando a una sorta di età adulta, orgoglioso di sapersi muovere nel mondo caotico e rumoroso degli altri.

Intervento inopportuno e disturbatore