Ad occhi chiusi – Gianrico Carofiglio

carofiglio-ad-occhi-chiusiL’avvocato Guido Guerrieri – protagonista di ‘Testimone inconsapevole’, sorprendente romanzo d’esordio di Giancarlo Carofiglio – si trova questa volta alle prese con un caso difficile, non tanto per la vicenda (la sua cliente, Martina, è stata minacciata e aggredita da un suo ex convivente), quanto per la personalità del persecutore: noto professionista, figlio di un potente magistrato, Guido sa che mettersi contro di lui significherà molto più che affrontare una difesa e un processo difficile. Ancora una volta la vicenda del giovane avvocato si snoda al ritmo delle sue inquietudini e delle sue debolezze, sullo sfondo di una Bari in bilico tra luminosità violente mediterranee e oscure ambiguità. Una storia sulla dignità, sul senso di colpa e sulla paura.

Segreteria telefonica

Sono momentaneamente assente, se mi ritrovate lasciatemi dove sono,
quando ne ho voglia tornerò con le mie gambe, ma se proprio non ne potete fare a meno lasciatemi pure un messaggio, non vi assicuro che lo ascolterò e non vi assicuro neppure che risponderò così come non è detto che sia interessato a quello che mi lasciate detto.
Se c’è una catastrofe in corso me ne accorgerò da solo, se sono scesi gli alieni potete portarmi il traduttore simultaneo e citofonare al primo campanello dall’alto, se siete felici risparmiatemi la vostra vocetta squillante, se state morendo, non rantolatemi al telefono, non ho la cremeria in freezer e il liquore al basilico sta finendo.
Parlate dopo il bip.
Bip.

Beverly incidentato

Alcuni di Voi, sanno gia’ la mia disavventura (*) ….. dopo 9 giorni di possesso del Bev200 vengo tamponato da un Iveco DAILY … e devo fare a meno per tutto il mese di Agosto del motorino ….
Stasera dopo 10 ore circa di lavoro stressante, lavoro nella piu’ grande xxxxxx di Firenze, vado a predenre il Bev
….e ……..

S O R P R E S A  ……..

un coglione, perché altro non puo’ essere …. forse una coglionA, ha
spostato di peso lo scooter e …per andare diritto adesso devo far finta di curvare  a destra …….

Fortunatamente LUCA, il conce, a cui ho rotto i bip-bip a cena … domani mattina riesce “forse” a ripararlo …

(*) chi non ne fosse a conoscenza vada a leggersi VENERDI’ 25 Luglio

Fragile – Sting

se il sangue scorrerà quando la carne e acciaio sono tutt’uno
La pioggia di domani laverà via le macchie
ma qualche cosa nella nostra mente resterà sempre
Forse questa ultima guerra e’ stata voluta atroce
ma dobbiamo ribadire l’argomento di una vita
che nulla viene dalla violenza
e nulla mai potrà (la violenza)
per tutti quelli nati sotto di una stella adirata
affinché noi non dimentichiamo quanto siamo fragili
su e la pioggia cadrà
come lacrime da una stella ferita
su e la pioggia dirà
quanto siamo fragili

Io stò con Abele

Sara’ che invecchiando si diventa reazionari e il buonismo mi piace sempre meno, ma io non SOPPORTO piu’ chi vuole a tutti i costi difendere CAINO.
Caino ha ucciso suo fratello e DEVE pagare la sua colpa, sono anch’io contrario alla pena di morte, ma Caino non deve restare impunito.
I Caini odierni quelli con cui io ho a che fare tutti i giorni non uccidono il fratello. Spesso, se non sempre, con il loro comportamento danneggiano pero’ chi si comporta in maniera corretta.

C’era una volta, un pezzo di legno diranno i miei piccoli lettori, no una azienda dove c’era chi lavorava e chi preferiva leggere il giornale, chattare su internet, sedersi sulle sedie come sulle sdraio in riva al mare.
Avvenne un giorno che dalla MEGA-direzione-nazionale decisero che il personale di quella filiale era troppo e che qualcuno doveva essere trasferito in altra sede.
Accadde un fatto strano pero’ per chi doveva essere trasferito non fu’ presa una decisione meritocratica, ma furono trasferiti coloro che non avevano famiglia (giusto diranno alcuni miei innocenti lettori all’oscuro della verita’).
Successe cosi’ che ABELE fu’ costretto ad andare a vivere in altra citta’, dopo alcuni mesi ABELE si accorse che seppur il suo stipendio fosse di 1.000 € ne occorrevano almeno 1001 € per poter vivere nella nuova realta’ …. decise cosi’ che non poteva andare avanti e si licenziò.

e fu cosi’ che Caino danneggio’ un altra volta la vita di suo fratello Abele

Intervento inopportuno e disturbatore