Archivi tag: A Bocca Chiusa

a bocca chiusa – stefano bonazzi

Un libro per chi non ha paura di guardarsi allo specchio.
Non è un thriller. È un noir una storia nera, una storia cupa, una storia per stomaci forti. Un libro che racconta la solitudine, la freddezza dei rapporti, la paura … che è comune alle vite di tutti i personaggi. Il degrado.

Leggendo alcune recensioni ho trovato una critica che non condivido ovvero di avere una prima parte troppo ripetitiva. Mi chiedo come fai a descrivere la vita, le sensazioni i sentimenti di un bambino costretto tutti i giorni a ripetere sempre gli stessi gesti ? Come farci percepire la noia e la ripetitività dei gesti se non attraverso una narrazione a volte anche ripetitiva ?

TERZA DI COPERTINA
L’afa d’agosto è insopportabile, soprattutto quando hai dieci anni e sei costretto a startene chiuso in casa con il nonno, una belva in gabbia la cui violenza trova sfogo su di te. E se non puoi frequentare gli altri bambini, anche tu diventi un animale solitario, destinato a crescere somigliando ogni giorno di più al tuo aguzzino.Così finisci per accogliere il seme del male. Lo covi per anni, lo senti germogliare, finché non spunta il desiderio di vendetta. Ma se la persona che ti ha allevato, trattandoti come una bestia, ora è morta, devi scegliere qualcun altro su cui sfogare la tua rabbia…”A bocca chiusa”, romanzo d’esordio di Stefano Bonazzi, racconta la genesi di un assassino. Un viaggio allucinato tra i deliri del protagonista che, partendo da un’infanzia di violenze e privazioni, attraversa una cruda diseducazione sentimentale e sfocia in un finale tragico e spiazzante.