Archivi tag: e/0

i libri da leggere assolutamente (noir)

CASINO TOTALE – J.C. IZZO

Il romanzo noir francese è sicuramente il padre del genere Hard-boiled europeo e dell cosidetto NOIR MEDITERRANEO.

È vero, come dice il suo editore italiano che lo pubblicato non solo nel nostro paese ma anche in lingua inglese, che:
In origine c’è la Bibbia, il primo libro nato sulle rive del Mar Mediterraneo, la prima grande raccolta di storie di crimini e violenze. Fin dal suo inizio, con l’omicidio di Abele da parte di Caino, il Libro dei libri dice che la storia di questo mare, di questo spazio, si sviluppa sotto il segno della violenza. Violenza fratricida, sopraffazione, saccheggio. Il crimine esiste, i suoi motivi sono tanti e risiedono nell’animo dell’uomo. S’inizia subito con un omicidio, ne seguiranno tanti, la storia del Mediterraneo è nera, come l’anima di Caino. 
Seguono l’Iliade e l’Odissea, due altre straordinarie antologie noir, repertori dei crimini più vari e atroci.

Mi piacciono i libri dove i crimini di “Razza, sesso e religioni” non vengono nascosti sotto i tappeti come la polvere in salotto, ma diventano il motivo per sbatterci in faccia la realtà e creare discussioni e confronti anche aspri.
Allora cosa meglio di Marsiglia per ambientare quello che diventerà il capostipite di tutti i noir mediterranei ?
Una città dove il Melting Pot di razze è forse secondo solo a Nova York

Gente dura, buon cibo, grandi personaggi e grandi panorami nei quali J.C. Izzo inserisce la sua storia di amicizia fra Ugo, Manu e Fabio per raccontarci la grande questione CONTEMPORANEA del razzismo istituzionalizzato delle periferie sconsascrate e del crimine che nasce da decadentismo morale.

 Immigrati, esiliati, tutti sbarcavano, un giorno o l’altro, in uno di questi vicoli. Con le tasche vuote e il cuore pieno di speranze. 
Pag. 17

 La sensualità delle vite disperate. Solo i poeti possono parlare così. Ma la poesia non ha mai dato risposte. Testimonia, e basta. La disperazione. E le vite disperate. 
Pag. 133

 Questa era la storia di Marsiglia. La sua eternità. Un’utopia. L’unica utopia del mondo. Un luogo dove chiunque, di qualsiasi colore, poteva scendere da una barca o da un treno, con la valigia in mano, senza un soldo in tasca, e mescolarsi al valigia in mano, senza un soldo in tasca, e mescolarsi al flusso degli altri. Una città dove, appena posato il piede a terra, quella persona poteva dire: ‘Ci sono. E’ casa mia’. Marsiglia appartiene a chi ci vive.  
Pag. 182

 Fuori, ci sarebbe stato sempre odore di marcio e né io né nessun altro potevamo farci niente. Si chiamava vita, quel cocktail di odio e amore, di forza e debolezza, di violenza e passività. E mi aspettava. 
Pag. 217