Archivi tag: Fabio Montale

Solea – Jean Claude Izzo

cop.aspxLasciata la polizia a causa della corruzione e del razzismo che vi si annidavano, Montale è costretto, per amicizia o per convinzione politica, ad occuparsi di casi in cui la violenza mafiosa, razzista e integralista si rovescia sui più deboli, giovani, immigrati o donne che siano. In Solea, Montale corre in aiuto della sua amica Babette, una giornalista finita nei guai per una inchiesta sui legami tra politica, mafia e alta finanza. Come i due precedenti, anche questo romanzo ha ottenuto un grandissimo successo, occupando per mesi le classifiche di vendita francesi, e in Italia, Izzo sta guadagnando rapidamente un posto di rilievo nel cuore dei lettori come autore di culto. Le sue sono storie epiche, d’amore e morte, che commuovono e incantano per la sua particolare visione della vita, ricca di valori, di sapori e passioni, sempre minacciata dall’avidità di guadagno e dall’intolleranza.

APPUNTI DISORDINATI DI LETTURA
Non mi era mai successo di commuovermi durante la lettura di un noir.
Questo lo ha fattoMi mancheranno Lole, Babette, Sonia, Fonfon, Honorine, Hassan, Mavros, Hélène Pesare e Fabio



Vivere stanca – Jean Claude Izzo

copj13-asp4COSA NE PENSO: I racconti non sono il mio genere narrativo preferito e di Izzo preferisco le atmosfere dei romanzi di Fabio Montale.
Il male di vivere il personaggio principale di questa raccolta.

TERZA DI COPERTINA: Un sogno d’amore che svanisce con due colpi di pistola; un coltello impugnatoda una donna come un minaccioso simbolo fallico; la violenza immotivata degliskinheads; calci contro un immigrato; lo scaricatore del porto che si tuffa inmare senza saper nuotare, cercando la morte; una ragazza che si suicida incella. Una serie di racconti noir, dallo stile secco con degli squarci dilirismo, come quando Izzo rievoca la “sua” Marsiglia: le stradine, il porto,gli odori, gli occhi delle sue donne, la luce della città che gli può darel’unica felicità che possa andargli bene. È una felicità di consolazione,perché, come dice una protagonista: “La vita non è per niente facile, viverestanca”.