I racconti della Kolyma – Varlam Salamov

La Kolyma è un pianeta incantato non soltanto perché laggiù l’inverno dura nove mesi su dieci … perché è tutta uno speclager, un lager staliniano di sterminio … è vero che alla Kolyma non c’erano le camere a gas, preferivano farti morire per assideramento, per estenuazione … ero stato condannato durante la guerra per aver detto che Bunin era un classico russo … se sono sopravvissuto, se sono uscito dall’inferno della Kolyma lo devo unicamente al fatto di essere diventato infermiere … quanto alla nostra anima di prima, non contavamo più di ritrovarla. E non l’abbiamo più ritrovata, naturalmente. Nessuno di noi

Inquietante. Per certi erso questo libro è nettamente migliore degli scritti di Solzenicyn. Salamov scrive storie brevi e coincise che portano ad un impatto emotivo forte. Anche solo una storia lunga come una paragrafo, a volte, diventa più inquietante di un intero romanzo.
Salamov è un bravo artigiano della parola scritta e non cerca di imporre una sua ideologia come ha fatto Sozenicyn con il suo conservatorismo. Salamov ci racconta storie semplici e nell’orrore dei Gulag già questo basta.

Varlam Tichonovič Šalamov (1907-1982) trascorse diciassette anni nelle prigioni e nei lager sovietici. Tornato in libertà (una libertà peraltro puramente nominale), negli anni Cinquanta e Sessanta scrisse I racconti della Kolyma, che apparvero per la prima volta in volume nel 1978 in Occidente e nel 1992 in Russia.

“La vita ripete temi shakespeariani più spesso di quanto pensiamo. Lady Macbeth, Riccardo III e Re Claudio esistevano solo nel Medioevo? Shylock voleva tagliare una libbra di carne dal corpo del mercante di Venezia. È una favola? “

Questa antologia raccoglie parte degli ormai celebri “Racconti della Kolyma” di Varlam Salamov, lo scrittore russo che ha descritto come nessun altro l’ultimo cerchio del Gulag staliniano: quell’immenso “Crematorio Bianco” che è la Kolyma, estremo Nord-est siberiano, immensa terra dell’oro e dei lager, dove lo scrittore ha vissuto diciassette anni come “nemico del popolo”, condannato per “attività contro-rivoluzionaria trotskista”. Il lettore troverà qui i fondamentali temi di Salamov: l’inferno dei lager, segnato dallo sfruttamento estremo del lavoro, tipico del volontarismo staliniano; la ferocia; la solitudine; la disperazione; l’abbrutimento; la morte per fame, freddo, colpo alla nuca. Salvare la pelle alla Kolyma si può, ma solo di rado e per caso. Là crollano, prima del corpo, la mente e l’anima. A meno che non si sia capaci di resistere moralmente, di conservare dignità, memoria, parola. La prosa dello scrittore, con la sua frase essenziale, secca e rapida come deve essere “uno schiaffo allo stalinismo”, è la sola in grado di rendere il senso e l’immagine di “quello che ogni uomo non dovrebbe vedere né sapere”.