Archivi tag: luca conti

il sudario non ha tasche – horace mccoy

Un libro come una bomba contro il razzismo, il sessismo, l’omofobia, la corruzione e il capitalismo. I Libri di Horace McCoy sono geniali e i protagonisti fanno contorcere le budella.

ESSENZIALE

Fra i migliori noir mai scritti.
Un finale da brividi

TERZA DI COPERTINA
Sportivi e politici corrotti, un medico con la morte di due ragazze sulla coscienza, un’inquietante organizzazione razzista che ricorda molto da vicino il Ku Klux Klan. Mike Dolan è un giornalista tutto d’un pezzo, e ha un solo obiettivo: portare a galla il marcio della città di Colton. Costi quel che costi. Ben presto però si renderà conto che, pur di non pestare i piedi ai potenti di turno, il suo giornale non darà mai spazio alle storie scomode che lui continua a proporre. Ma Mike è un duro, così si mette in proprio e fonda il “Cosmopolite”, una rivista spregiudicata che pubblica da subito una serie di articoli-denuncia che danno fastidio a molti “intoccabili” della città. E da quel momento la vita di Dolan non sarà più al sicuro. Pubblicato prima nel Regno Unito, poi in Francia e solo successivamente e con difficoltà negli Stati Uniti, questo romanzo presenta un ritratto dell’America che, come ricorda “Thriller Magazine” è “talmente radicale (nel male) che non avrebbe mai potuto trovare qualche pazzo disposto a fargli da editore”. Un libro duro e attuale, un grande classico del noir.

La Strada per Memphis – James Sallis

la_strada_per_memphis TERZA DI COPERTINA:
Tradotto da Luca Conti
Turner, ex poliziotto, ex detenuto ed ex terapeuta, ha deciso di accettare l’incarico di sceriffo a Grippie Creek, una piccola cittadina del Tennessee, a breve distanza da Memphis, in cui la criminalità, rispetto a quella della grande città in cui nel 1968 fu assassinato Martin Luther King, è decisamente minore e strettamente locale. La vita per Turner sembra scorrere tranquilla in compagnia della sua ragazza Val Bjorn. Quando l’ascolta suonare il banjo, Turner ha davvero l’impressione che le ferite del suo passato siano definitivamente chiuse. Una tarda notte, però, lo sceriffo Don Lee arresta un autista ubriaco. Il tipo, che dice di chiamarsi Judd Kurtz, riserva non poche sorprese. In una borsa di nylon nascosta nel bagagliaio della sua auto, Turner e Don Lee scoprono la bellezza di 200.000 dollari.In capo a qualche giorno, poi, Kurtz riesce ad evadere dalla galera. Gettando ogni cautela, Turner si lancia al suo inseguimento sulla strada per Memphis. A Memphis, però, si sguinzagliano tutti i fantasmi che pensava di essersi lasciato alle spalle.

MICRORECENSIONE: Letto nel Dicembre 2008

Và letto per continuare a consocere il personaggio di Turner, va letto per sentirsi nel profondo sud, scolarsi un pò di Southern Comfort a sedere su una sedia sulla veranda di casa

Va letto perche e’ un bel NOIR