Archivi tag: Non è stagione

Non è stagione – Antonio Manzini

TERZA DI COPERTINA: C’è un’azione parallela, in questa inchiesta del vicequestore Rocco Schiavone, che affianca la storia principale. È perché il passato dell’ispido poliziotto è segnato d9788838932885a una zona oscura e si ripresenta a ogni richiamo. Come un debito non riscattato. Come una ferita condannata a riaprirsi. E anche quando un’indagine che lo accora gli fa sentire il palpito di una vita salvata, da quel fondo mai scandagliato c’è uno spettro che spunta a ricordargli che a Rocco Schiavone la vita non può sorridere. I Berguet, ricca famiglia di industriali valdostani, hanno un segreto, Rocco Schiavone lo intuisce per caso. Gli sembra di avvertire nei precordi un grido disperato. È scomparsa Chiara Berguet, figlia di famiglia, studentessa molto popolare tra i coetanei. Inizia così per il vicequestore una partita giocata su più tavoli: scoprire cosa si cela dietro la facciata irreprensibile di un ambiente privilegiato, sfidare il tempo in una corsa per la vita, illuminare l’area grigia dove il racket e gli affari si incontrano. Intanto cade la neve ad Aosta, ed è maggio: un fuori stagione che nutre il malumore di Rocco. E come venuta da quell’umor nero, un’ombra lo insegue per colpirlo dove è più doloroso.

APPUNTI DISORDINATI DI LETTURA: «In questa nostra epoca, così caotica, c’è una cosa che, umilmente, ha conservato le virtù classiche: il racconto poliziesco. Non è possibile concepire un racconto poliziesco senza principio, parte centrale e fine. Letto con un certo disdegno ora sta salvando l’ordine in un’epoca di disordine. E questa è una prova meritoria, di cui dobbiamo essergli riconoscenti»  Jorge Louis Borges.
La lettura di questo romanzo è stata una piacevole sorpresa conoscevo Manzini per aver letto anni orsono “La giostra dei Criceti”, ma niente di quello pubblicato per Sellerio. Romanzo melanconico. Un passato che torna a bussare e a ricordarti che esiste e che non lo puoi cancellare. Un passato che richiede un prezzo a volte come in questo romanzo troppo alto da pagare per un uomo. il giallo ? un interessante viaggio in quella zona oscura che collega la criminalità agli affari e i Racket mafiosi alla finanza internazionale.

FERMO non è stagione (gli offlaga incontrano Antonio Manzini)

In questo momento sto leggendo “Non è stagione” di Antonio Manzini. Il personaggio principale è il Vice Commissario Rocco Schiavone che fra le sue caratteristiche ha quelle di accoppiare ad ogni persona che incontra un animale. Caro Rocco ti aiuto l’animale al quale mi sento più vicino è il “Chirocefalo del Marchesoni” … Il Chirocefalo è un gambero che vive esclusivamente nel “Lago di Pilato” piccolo specchio d’acqua che si trova sul Monte Vettore nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Cosa ha di particolare questo mollusco ? Il gambero in quesitone tenta di fuggire dal suo habitat per andare a scoprire il mondo, ma viene sistematicamente bloccati dai Forestali Marchigiani che per far sopravvivere la specie la riduce in prigionia. Anch’io tento di fuggire dal mio attuale Habitat la città di Frara nel mio caso non sono forestali marchigiani, ma il fatto che non riesco a trovare lavoro in Toscana