Archivi tag: Robert Silverberg

[LIBRO] Il secondo viaggio – Robert Silverberg

In un mondo nel quale la PENA DI MORTE è stata cancellata e nel quale i condannati invece che essere soppressi fisicamenti sono costretti a subire un cambio di identità. Ovvero la vecchia personalità criminale viene cancellate e al posto ne viene inserita una nuova creat ad-hoc con ricordi buoni, bravi e belli. I Condannati sono costretti inoltre a non poter avere contatti con il loro passato inteso come cose e persone e sono marchiati con un distintivo REHAB.

Dopo aver subito un “trattamento” Paul Macy incontra un sua vecchia fiamma che tramite i suoi poteri riesce a trovare un buco nel trattamento e far tornare i ricordi della prima vita.


Inizia così un micidiale duello tra due menti per il controllo del corpo e quindi per affermare la propria stessa esistenza.
Proseguendo nella lettura, il lettore viene interrogato sulla natura stessa della personalità, della coscienza, sul grado di realtà dei propri ricordi e delle proprie esperienze.

L’uomo nel labirinto – Robert Silverberg

l_uomo_nel_labirintoUn libro che colpisce le terminazioni nervose, la fantascienza usata per parlare delle nostre più recondite paure. Delle MIE e delle VOSTRE paure.
le occasioni perdute e più ripresentate, gli innamoranti non ricambiati, le parole dette impulsivamente, i desideri, le meschinità, l’invidia, la frustrazione, il passare del tempo, la vecchiai, l’impotenza, la vergogna, la follia …
l’abbandono. La paura di esporsi troppo, la ricerca e il terrore della solitudine.
Il diverso come nemico.
Semplicemente FANTASTICO

TERZA DI COPERTINA:Dick Muller è un uomo solo, la cui vita è stata stravolta da un incontro con gli alieni avvenuto durante uno sfortunato viaggio spaziale: la permanenza di un anno sul loro pianeta gli ha lasciato una strana malattia, l’impossibilità, fisica e morale, di sopportare quella che per lui dovrebbe essere la più “normale” delle presenze, quella degli altri uomini. Dotato di poteri telepatici che non può governare, incapace ormai di interagire con gli altri esseri umani, di trasmettere loro i propri sentimenti migliori, e troppo permeabile a quelli degli altri, la sua vicinanza mette i suoi simili a disagio, lo rende una presenza indesiderata, repellente, tanto da spingerlo a scegliere l’esilio sul pianeta disabitato di Lemnos, sede di un millenario labirinto, luogo ideale per tenersi lontano da tutti. Fino a quando la sua presenza sulla Terra diventa indispensabile per salvare l’umanità dal pericolo dell’estinzione; due vecchi compagni andranno così a riprenderlo, sfidando il labirinto e i suoi pericoli mortali, e lo stesso Muller, ancora memore delle antiche offese e in cerca di vendetta.